I commenti sono ovviamente graditi. Per leggerli cliccate sul titolo dell'articolo(post) di vostro interesse. Per scrivere(postare,pubblicare) un commento relativo all'articolo cliccate sulla voce commenti in calce al medesimo. Per un messaggio generico o un saluto al volo firmate il libro degli ospiti (guest book) dove sarete benvenuti. Buona lettura


domenica 15 marzo 2009

Spazio ai Lettori - n° 2 del 2009


.
Brani tratti da commenti particolarmente significativi o che si prestano ad ulteriori interventi da parte di coloro i quali vorranno interagire e approfondire i temi trattati. Un click sul titolo dell’articolo Vi condurrà ai testi integrali e Vi consentirà di inserire il Vostro pensiero.

Grazie a tutti Voi


venerdì 9 gennaio 2009
Riprendere il filo con Eduardo

Miriam ha detto …
…Sta a noi trovare il filo per dipanare la matassa... sciogliere i nodi che ci imbrigliano in cose inutili, respirare un'aria più fresca e frizzante.
Se non sbaglio Nietzche afferma: "Bisogna avere un caos dentro di sè per generare una stella danzante"…

euclide
ha detto...
… Non dimentichiamo che scriviamo per comunicare agli altri che cosa siamo e pensiamo ed è importante far capire anche COME pensiamo. Viva la lucida confusione….

martedì 20 gennaio 2009
“Gli Esami” (parte quinta)

dailygodot
ha detto...
… Che dire... forse questa è una delle opere più contemporanee di Eduardo... con l'alta percentuale di laureati disoccupati... eh già... laurearsi non basta... e non bastava agli occhi di Eduardo... in un periodo in cui era realmente un traguardo….


il monticiano ha detto...
… il teatro napoletano in genere, quello di Edoardo in particolare, ha sempre avuto per me un'enorme attrattìva…


Elle ha detto...
… Mi conforta sapere che "ciò che si fa per amore lo si fa sempre al di là del bene e del male" e che anche l'estrema scelta (che poi forse tanto scelta non è) di lasciarsi sia stata compiuta in nome di quell'amore che, in questa veste di "abbandono del campo", troverà pochi consensi…

venerdì 13 febbraio 2009

l’altra effe
ha detto...
… penso che fb sia comunque un'opportunità, un'ulteriore possibilità di comunicare, esprimersi e relazionarsi in genere, in maniera diversa che col blog, che mantiene, ed è giusto così un contenuto più profondo o più..."di sostanza" anche quando è telegrafico o solo un'immagine con didascalia….

romaguido ha detto...
... FB offre un sacco di opportunità, ma potrebbe creare, almeno ai meno accorti, qualche problema, per così dire, di carattere diplomatico…

giovedì 19 febbraio 2009
Piccole osservazioni sul Medioevo

Guernica
ha detto...
Condivido poi il fatto che mancherebbero opere importanti frutto di quel periodo e opere più recenti ispirate a quegli anni.
D'altronde io sono una fan del Romanticismo e questo movimento ha rivalutato per molti aspetti il M.E.
Sarà una sorta di Odi et Amo per me?

domenica 22 febbraio 2009
A scuola con Abelardo

Sara ha detto...
.. Non credo ci sia un solo metodo d'insegnamento, non credo ce ne sia solo uno di valido, ma di certo a metterne in pratica solo uno si sbaglia di sicuro. Parte dell'apprendimento può essere mnemonica, ma dopo i dati vanno elaborati; così come l'uso della dialettica…

domenica 1 marzo 2009
Venerdì sulla spiaggia

natalibera ha detto...
… Con signora morte mi è capitato di prendere il caffè un paio di volte.....
Non amo tornarci su,non amo pensarci e non riesco a vivere serenamente l'argomento …

domenica 8 marzo 2009
Su Dylan e “Thunder on the mountain”

Max ha detto...
… Dylan non va semplicemente ascoltato ma va vissuto intensamente in ogni sua componente artistica e intellettuale al di là della melodia…

14 commenti:

  1. Salve!
    Ciao, Riccardo, ho notato che il link al post su Facebook non funziona; credo che dovresti correggerlo.

    P.S. Esulando dal contesto, vi chiederei un parere sui saluti in rete. Ogni volta che si esordisce con "Ciao, ...", mi vengono in mente le ramanzine di mio padre, il quale sosteneva che "Ciao" è un saluto di commiato. Certo, la lingua si evolve e l'uso ne favorisce i cambiamenti; ma, visto che credo di essere capitata nel posto giusto per un parere sull'argomento, vorrei chiedervi: "Voi, in realtà, che ne pensate?"

    RispondiElimina
  2. oddio ha ingoiato il mio commento.
    dicevo un paio di idiozie sul perche` non mi piace facebook e sull'incontro con la signora morte nei giorni scorsi.
    e dicevo che apprezzavo il tuo rimandare stimoli agli stimoli ricevuti.
    lascio perdere, ti ho riassunto il succo.
    un abbraccio. Emma

    RispondiElimina
  3. rif. romaguido
    Oggi ho visto che il link citato funziona (se ho capito qual'è quello a cui ti riferisci); comunque riverificherò.
    Il "ciao"... umh, non penso che sia solo un saluto di commiato.
    In ogni caso, per me la.... regola aurea è sempre quella cui ti riferisci tu: evoluzione della lingua e suo uso.
    Credo però che sia giusto stare attenti all'uso se non improprio o errato, almeno eccessivo di termini come "comunque", "un attimino", "quant'altro", "peraltro" ecc.
    Ed ora... ciao!

    RispondiElimina
  4. rif. mi va
    Leggo sempre volentieri, Emma, quelle che del tutto a torto definisci "idiozie"!
    Perciò scrivi scrivi scrivi, chiaro?
    Gli stimoli, poi, sono fatti perchè nasca un ideale ping pong: e più sono validi quelli che ricevo, più cerco di rimandarne almeno di decenti...
    Besos

    RispondiElimina
  5. Io clicco su "Sbarco uccheddiano su Facebook"
    e il link mi porta ad una pagina con su scritto:

    "Pagina non trovata
    Spiacenti, la pagina che cerchi nel blog Riccardo Uccheddu non esiste".

    D'accordo su "attimino" e "quant'altro", che spesso viene sintetizzato in q.a.(orrore su orrore!), cui aggiungerei "piuttosto che" e "quoto"; comunque e peraltro nonmi disturbano affatto (sarà perchè li uso spesso? :-D ).

    RispondiElimina
  6. Grazie per il commento che mi hai lasciato!
    Quasi quasi mi convinco che so scrivere eheheh :)
    A presto!

    RispondiElimina
  7. M'inchino al buon livello culturale del blog,purtroppo causa la mia atavica pigrizia verso la lettura,non posso alimentare culturalmente questa realtà.

    Non ho visitato l'Irlanda,ma chi l'ha vista,l'ha descritta positivamente,più sull'aspetto naturalistico e popolare che per effettiva importanza storica,nonostante i castelli presenti in buon numero.

    Saluti,Marlow

    RispondiElimina
  8. rif. guernica
    Grazie a te per aver scritto una poesia concreta ed insieme "visionaria."
    Per caso conosci i poeti metafisici inglesi (mi pare che uno di questi sia John Donne)?

    RispondiElimina
  9. rif. ivo serentha and friends
    Thank you per le belle parole!
    La rilevanza dell'Irlanda riguarda l'aspetto musicale, folklorico e letterario, oltre che la lotta per la liberazione del Paese dal dominio britannico.
    Ma sono d'accordo sul fatto che il Paese non abbia avuto grande rilevanza storica. Almeno, niente di paragonabile a Paesi come Francia, Germania, Usa, Gran Bretagna, Russia ecc.
    Ciao.

    RispondiElimina
  10. rif. romaguido
    Ho cliccato su quel titolo ma è andato tutto bene; però riproverò, non sono molto esperto in 'ste cose!
    Ok, userai spesso "comunque" e "quant'altro", ma tu sai utilizzare anche altri termini, se vuoi; il problema riguarda chi si fissa solo con quelli.

    RispondiElimina
  11. Grazie, Ric,
    considero molto lusinghiera la tua osservazione.
    P.S. Uso peraltro, ma quant'altro è un'espressione assolutamente bandita nel mio vocabolario.
    Ciao.

    RispondiElimina
  12. ciao...grazie per la visita, non mi arrendo!!!
    hasta siempre!
    Certo che leggee da Te mi fa sentire piccola piccola :)))
    Complimenti.
    Elsa

    RispondiElimina
  13. rif. elsa
    Benvenuta a bordo del convoglio, Elsa e muy bien: non mollare!
    Grazie poi per i complimenti ma anche tu non scherzi: nei tuoi post trovo una chiarezza che i miei devono ancora trovare.
    A presto!

    RispondiElimina

.
Al fine di evitare lo spam, I Vostri graditi commenti saranno pubblicati previa autorizzazione da parte dell'amministratore del Blog. Grazie.
.