I commenti sono ovviamente graditi. Per leggerli cliccate sul titolo dell'articolo(post) di vostro interesse. Per scrivere(postare,pubblicare) un commento relativo all'articolo cliccate sulla voce commenti in calce al medesimo. Per un messaggio generico o un saluto al volo firmate il libro degli ospiti (guest book) dove sarete benvenuti. Buona lettura


venerdì 9 gennaio 2009

Riprendere il filo con Eduardo


Come osservò tempo fa e col consueto garbo Euclide (la blogger, non il matematico nato attorno al 365 a. C.) in questo blog esistono molte “puntate.”
In effetti, talvolta su certi argomenti ho scritto dei post che hanno richiesto, data la loro complessità e/o mia incapacità ad esaurirli in breve, una serie di nuovi post.
Le puntate, per riprendere il termine usato dall’unica matematica-umanista di mia conoscenza, mi permettono di approfondire gli argomenti in questione; ma forse possono risultare pesanti a chi voglia arrivare al loro nocciolo senza aspettare i miei, temo biblici, tempi.
Così, per il 2009 faccio il proposito di “chiudere” quel che posso in tempi ragionevoli: diciamo 2-3 mesi.
Per il resto, penso che scrivere… a puntate sia una sorta di autoesame. Sì, perché questo mi permette di sviluppare determinati argomenti ed inoltre di controllare che cosa ho continuato a pensare di essi nel corso anche di parecchi mesi. D'altronde, se gli esami non finiscono mai, quello più severo è quello a cui sottoponiamo noi stessi.
Perché se gli esami cui ci sottopongono gli altri potrebbero anche finire, finchè noi duriamo, il processo autoesaminativo che ci infliggiamo (spesso anche ingenerosamente) ebbene, quello non finirà mai. Naturalmente bisogna vedere se in noi esistano la volontà, la costanza, l’intelligenza per condurre tale operazione e per trarne frutto. Conoscendomi, ne dubito.
Comunque, riprendere il filo con Eduardo è anche un modo per riprenderlo con me stesso o almeno, col me stesso che riflette su Eduardo.
Una “ghiotta” anticipazione: nel prossimo post su Gli esami non finiscono mai si parlerà d’amore.
In effetti, sto pensando da un po’ a dei post appunto sull’amour; però così riprenderei con la faccenda delle puntate, che dovrei prima o poi chiudere.
Mah, penso che mi limiterò ad esaminare il tema dell’amore negli Esami e poi si vedrà… come sempre.
Complimenti a me stesso per la mia, lucidissima, confusione.

13 commenti:

  1. Dato che ti scrivo all' alba o quasi..., comincio col darti il buongiorno leggendo e riflettendo intorno al tuo ultimo, rinnovato e davvero stimolante, lineare e lucido post! Abbraccio in pieno la tesi che proponi come trampolino di lancio per te stesso e per noi che leggiamo, mi trovo pienamente in sintonia e d'accordo col fatto che, come ricorda il grande Eduardo, "Gli esami non finiscono mai"...
    Quanto al tuo grado di confusione non posso fare altro che complimentarmi con te ed essere felice per la tua auto-valutazione perchè penso che i maggiori ragionamenti e intuizioni geniali nascono dalla confusione.
    Sta a noi trovare il filo per dipanare la matassa... sciogliere i nodi che ci imbrigliano in cose inutili, respirare un'aria più fresca e frizzante.
    Se non sbaglio Nietzche afferma: "Bisogna avere un caos dentro di sè per generare una stella danzante".
    Il mio augurio è che possa trovare dentro di te quello che cerchi, mi piacerebbe vederti come un menestrello danzare fluido e libero, saltellare e cantare pieno di gioiosa consapevolezza in compagnia della tua magnifica stella!

    RispondiElimina
  2. Non vedo l'ora di leggere il prossimo post! :D

    RispondiElimina
  3. 2-3 mesi un tempo ragionevole ?!
    Mio caro Ucc, continua con le tue "puntate" è importante scrivere come-quando-perché si vuole, solo così il blog è terapeutico. Non dimentichiamo che scriviamo per comunicare agli altri che cosa siamo e pensiamo ed è importante far capire anche COME pensiamo. Viva la lucida confusione.
    Però, il vero Euclide è quasi mio coetaneo.
    p.s. non credo che scriverò mai di geometrie non euclidee, per me sarebbe come parlare di integrali e derivate...però chissà, potrebbe essere

    RispondiElimina
  4. Rif. miriam
    Hai colto bene il punto: ciò che conta è (sgominando la confusione, in questo caso, la mia) "trovare" una certa chiarezza su sè stessi.
    Spesso, voglio ora spiegarmi meglio e sviluppare il concetto, forse il problema consiste in un eccesso di autoanalisi; o quel che è peggio, in un eccesso di severità verso la nostra vita... a cui ogni tanto bisognerebbe guardare non dico in modo assolutorio, ma almeno con un po' d'indulgenza.

    RispondiElimina
  5. Rif. godot
    Ed il post arriverà! Poi, mi incuriosisce il parere su Eduardo di una partenopea, o comunque di una campana.

    RispondiElimina
  6. Rif. euclide
    Mah, ogni tanto ho un po' lo scrupolo di tirarla troppo per le lunghe. Forse scrivo troppo... ma il fatto è che mi piace, QUELLO è il problema ed anche il piacere, appunto.
    Comunque, ormai ho ridotto le puntate; sono arrivato alla... dose modica! O almeno, così mi pare.
    Comunque, col prossimo post su Eduardo chiuderò il ciclo sugli "Esami."
    Euclide "quasi tuo coetaneo"? Carissima Euc., non buttarti così giù o becchi qualcuno che ci crede!
    Le geometrie non-euclidee sarebbero interessanti anche per sviluppare un discorso sulla molteplicità dell'universo... non male, come spunto, no?
    Bonne dimanche

    RispondiElimina
  7. Ben nn vedo l'ora di leggere il post anche perché tra "gli esami non finisconoi mai" e il capitolo "amore", sono sicura che c'è molto da scrivere e tu saprai farlo con la tua consueta ironia =)

    Ti leggo, anche se iltempo per commentare esempre meno...

    RispondiElimina
  8. Rif. mavi
    Grazie-grazie per le belle parole, Mavi... e ben tornata! Anche perchè da quando sei diventata redattrice...
    Scherzi a parte, commenta quando vuoi; qui sei sempre ben accetta.

    RispondiElimina
  9. Partenopea... partenopea... anche se in trasferta! :D

    RispondiElimina
  10. ...uno, nessuno, centomila...Si respira quest'atmosfera in questo post! ;-)

    RispondiElimina
  11. Rif. sara
    Benvenuta a bordo del blog, Sara!
    Quanto al post, dici bene: l'atmosfera è molto vicina a quella di don Luigi (Pirandello).
    Alla prossima, ok?

    RispondiElimina
  12. Sei un amico di Guernica e questo ti rende già interessante ai miei occhi...Poi leggendoti un pò, non ho avuto più alcun dubbio. Ritornerò!

    RispondiElimina
  13. rif. nicole
    Allora ti ringrazio e benvenuta a bordo!
    Torna quando vuoi; io ho esplorato un po' il tuo blog e lascerò presto un commento.
    Ciao.

    RispondiElimina

.
Al fine di evitare lo spam, I Vostri graditi commenti saranno pubblicati previa autorizzazione da parte dell'amministratore del Blog. Grazie.
.