I commenti sono ovviamente graditi. Per leggerli cliccate sul titolo dell'articolo(post) di vostro interesse. Per scrivere(postare,pubblicare) un commento relativo all'articolo cliccate sulla voce commenti in calce al medesimo. Per un messaggio generico o un saluto al volo firmate il libro degli ospiti (guest book) dove sarete benvenuti. Buona lettura


sabato 15 maggio 2010

“Il segreto di Isabel”, di Sonia Ognibene


Col romanzo Il segreto di Isabel (1) la scrittrice marchigiana Sonia Ognibene ha vinto nel 2008 il premio Montessori.
Premio davvero meritato perché intanto, nel Segreto l’Autrice ha saputo presentare e rappresentare al meglio la complessa realtà dell’adolescenza (nè questo è il solo pregio del libro).
Se adolescenza (latino adulescentia) ha un rapporto o una derivazione col verbo adoleo che significa far bruciare, bruciare ecc., allora l’adolescente è colui/colei che inizia a bruciare: nel senso che inizia ad utilizzare, ad impiegare (quali che siano i risultati) le proprie energie fisiche e mentali.
Per me, in questo c’è qualcosa di grande: l’adolescente è il giovane uomo o la giovane donna che si misura col mondo.
Nel Segreto la protagonista, Isabel è la classica ragazzina baciata dalla fortuna: in famiglia sono benestanti, lei è stata una promessa del nuoto e può mantenere quelle promesse, ha tanti amici, nessun problema con la scuola…
Ma nel suo intimo è angosciata da alcuni fatti che non confessa né svela a nessuno. Il suo dolore è continuo, incessante tanto che dichiara: “L’inferno mi attendeva impaziente, ma prima mi avrebbe tormentato sulla terra fino al mio ultimo giorno.” (2)
Ora, Sonia fa mantenere ad Isabel il suo segreto fino alle ultime pagine del libro; ma per me, ha fatto questo non per mero gusto della suspence… il suo non è un giallo.
Lo collegherei anzi alla tradizione più antica ed impegnativa del romanzo psicologico-morale il cui maggior rappresentante è per me Dostoevskij.
Tuttavia, benché nel romanzo ci si imbatta in riflessioni anche tormentate, Sonia sviluppa la trama in modo comunque fresco: come quando Isabel rievoca quella volta che a 2 anni portò a casa un “granchio ammalato, morto stecchito, per dargli un’aspirina.” (3)
Qui troviamo tutto il candore della bambina… quel che forse Isabel vorrebbe essere ancora.
Comunque il libro non vive in funzione della rivelazione di certi fatti.
Alcuni libri in parte si riscattano con quella rivelazione, ma tolta quella… rimane poco.
Invece il Segreto arriva appunto alla rivelazione finale senza far mai registrare delle battute d’arresto; non è, infatti, costruito solo su quella. Questo perché i temi del libro sono parecchi e tenuti insieme da una narrazione chiara e che non si sfilaccia mai.
Appunto un tema che ritorna spesso nel romanzo consiste in quelle particolari e dolorose dinamiche che talvolta sembra tramutino i familiari in rivali.
Su tutti i parenti di Isabel spicca comunque per saggezza e dignità la figura del nonno, di cui a lei sembra di “percepire ancora” l’odore “di trucioli e tabacco: intagliava legno tutto il giorno e, verso il tramonto, lasciava qualunque cosa stesse facendo per godersi la sua pipa di fronte al mare.” (4)
Per me, il mixtum di dolore di Isabel, isolamento ed auto-isolamento, dolci ricordi alternati al presente ed il tono alto ma mai pesante fanno del Segreto un testo di grande valore; un libro che sa parlare sia agli adolescenti sia agli adulti.
Anche a noi perché come diceva bene Gramsci, spesso dimentichiamo gli anni in cui eravamo tanto più giovani.
Ed apparentemente spensierati, aggiungo io.


1) Sonia Ognibene, Il segreto di Isabel, Raffaello Editrice, 2010.
2) S. Ognibene, Il segreto di Isabel, op. cit., p.19
3) S. Ognibene, op. cit., p.16.
4)
Ibid., p.10.

60 commenti:

  1. Caro Riccardo, non so davvero come ringraziarti: una recensione così bella non l'avrei mai neanche potuta immaginare!
    Sapendo che poi arriva da te -lettore, scrittore, studioso di filosofia, di storia- che ho avuto l'onore di conoscere solo attraverso questo blog... beh, mi riempie di immenso orgoglio.
    Sai quanto ti stimo, mi auguro davvero di meritare i tuoi complimenti.
    Buona serata a te e a tutti quelli che avranno il desiderio di leggere la storia di Isabel.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo libro è fantasticoooooooooo ti ringrazio si averlo scritto perchè mi è piaciuto davvero tanta.
      Sono una tua fans e ti prego di scrivero un' altra storia bella come questa grazie T.V.B.

      Elimina
    2. Mi accorgo adesso di questo commento meraviglioso! Grazie, anonimo, chiunque tu sia, grazie per il tuo affetto.

      Elimina
  2. rif. Sonia Ognibene
    Non ringraziarmi, Sonia, perchè il romanzo è davvero bello e ne consiglio la lettura a tanta, tanta gente!
    I tuoi complimenti mi fanno davvero piacere ed in effetti, mi... imbarazzano; grazie a te, quindi...
    Ribadisco comunque quel che avrei voluto dire nel post: è piuttosto difficile occuparsi del mondo di un'adolescente.
    Si corre, infatti, il rischio del giovanilismo o della superficialità.
    Tu hai saputo evitare quel rischio e con grande abilità.
    Ti aspettiamo alla prossima prova con grande fiducia e non poco curiosi!
    Un abbraccio anche da me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie riccardo , mi sei stato molto utile

      Elimina
  3. Ciao Rik.
    È da ieri sera che vorrei lasciare un commento a questo tuo Post. Ho letto la tua sintesi o meglio dire, l´indroduzione al libro di Sonia Ognibene,che approfitto anche per salutarla.
    Credo che la "Isabel" di questo libro, sappresenti quasi tutte le donne che fin ora hanno vissuto in modo drammatico,fuori dal comune, oppure non hanno avuto il tempo di poterla vivere la loro adolescenza. Tu sai Riccardo che questa "Isabel" mi avrebbe colpito in particolar modo, in modo troppo personale, si credo che tu lo sappia giá, ed é per questo che cerco di non continuare a scrivere. Voglio restare invece, sul tema di questo libro, che di sicuro sarà un capolavoro, sia emotivo che psicologico. Non voglio andare oltre. Faccio i miei auguri alla scrittrice, e senza nessuna cattiveria, ma per pura ammirazione, che aggiungo.... Invidio gli scrittori come voi!
    A presto. Aufwiedersehen. Kuss

    RispondiElimina
  4. PS.
    Trà quache mesetto verrá mia nipote dall`Italia a farmi visita. Giá in precedenza le ho detto di andare in una biblioteca e cercarmi dei libri dello scrittore Riccardo Uccheddù... poco fá ho telefonato a mia nipote, dicendole di trovarmi anche il libro "Il segreto di Isabel" della scrittrice Sonia Ognibene. Spero che avrò al più presto una conferma positiva, altrimenti cercherò di prenotarli via Online. :) mi avete incuriosita uffi. :)
    Baci.

    RispondiElimina
  5. rif. Un tocco di Rosa
    In effetti, Rosa, si tratta di un romanzo davvero coinvolgente e che inoltre, tratta dell'adolescenza in modo non convenzionale.
    L'abilità poi di Sonia consiste nell'evitare il descrittivismo, lo scendere in particolari anche drammatici ma che non esaurirebbero il dramma di Isabel... che è perfino più complesso.
    Quanto all'invidia... non saprei... in generale (quindi a parte quel che può riguardare Sonia) non sempre scrivere è qualcosa che si debba invidiare.
    Per es., a me (lo dico con una battuta, per sdrammatizzare) non aiuta nella vita quotidiana; quando devo compilare un modulo all'ufficio postale, mi viene il panico!
    Bis bald. Aufwiedersehen.
    Kuss!

    RispondiElimina
  6. rif. Un toccoa di Rosa
    Lieber Rose, ringrazio anche a nome di Sonia und naturlich, anche mio!
    On line sarà senz'altro più facile, ma credo che il libro di Sonia si possa trovare anche in libreria.
    Incuriosire una persona come te è un onore, soprattutto perchè non sei certo una persona che si interessa di cose banali!
    Ich umarme dich.
    P.s.: come mai non ti piace il tedesco, anche se ormai lo parli tranquillamente?

    RispondiElimina
  7. be visto che sto ancora ridendo per la battuta del`ufficio postale e dei suoi complicati moduli da compilare :)) devo dire che forse, proprio li io non cado in difficoltá. Sono una donna che ha crescuto da sola tré figli, e lultimo é appunto nella "terribile" etá di adolescenza, ed é un ragazzo, grrrrrrrrrrrr.
    quindi puoi immaginarti, ho la casa piena di moduli da riempire.
    Rik, non so cosa tu voglia intendere per banale, sappi che per me nulla é banale. Io mi interesso di un poco di tutto, basta che mi lasciano libera di farlo o di non farlo!
    Le cose forzate poi, forse, quelle possono diventare banali.

    Si, lo parlo il tedesco, ma sappi che a scriverlo non é facile ne per noi stranieri, neppure per moltissimi Tedesci. La lingua tedesca é complicata come sono complicate e fredde tutte le istituzioni qui.
    Ich wünsche dir einen schönen abend

    RispondiElimina
  8. Per Tocco di Rosa:
    Cara amica, volevo ringraziarti con tutto il cuore per le tue parole!
    Se riuscirai a leggere "Il segreto di Isabel", spero che possa regalarti le stesse emozioni che ha regalato a me mentre lo scrivevo.
    E' una storia che "scorre via veloce" (come dicono quelli che l'hanno letto) e che emoziona se ci si lascia toccare non dai sensazionalismi ma dalla complessa semplicità dell'animo umano.
    Ti abbraccio forte.

    Per Riccardo:
    Grazie a te oggi ho un'amica blogger in più. Ti sono debitrice.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  9. Mi segno pure io tutti questi libri Ric, anche perchè sono un eterno adolescente (chissà cosa avrebbe scritto Gramsci dell'adolescenza prolungata che si vive oggi nell'Occidente in crisi?).
    Aufwiedersehen.

    RispondiElimina
  10. Un sorriso per tutti.. :)) in particolare per l`alligatore :)) poi scappo a lavorare!!!! Bye.

    RispondiElimina
  11. rif. Un tocco di Rosa
    Mah, Rosa, anch'io sto (mit meine Frau) tirando su dei figli, ma il fatto è che nelle cose pratiche sono un po' imbranato. Questione di forma mentis!
    Sul banale, la penso esattamente come te.
    Sul deutsche (tedesco) il tuo parere mi preoccupa... ed io che consideravo complicati i numeri!
    Scherzi a parte, io mi sto impegnando a studiarlo seriamente, poi si vedrà.
    Danke schoen fur das Lacheln (molte grazie per il sorriso).
    Comunque, se il mio micro-tedesco dovesse infastidirti, dimmelo e scrivo solo in italiano, ok?
    Buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  12. rif. Sonia Ognibene
    Macchè debitrice, Sonia!
    Però sono contento che apprezzi anche tu Rosa: è una persona davvero gradevole ed ha dei punti di vista originali.
    Dialogare con lei è un'esperienza molto positiva e rilassante; proprio come dialogare con te, insomma!
    Abbraccione!

    RispondiElimina
  13. rif. Alligatore
    Eh, domanda molto interessante...
    Anche perchè il pensiero di Gramsci era sempre molto aperto a nuovi sbocchi ed a varie suggestioni.
    E' uno dei TANTI esempi di questo la sua collaborazione col liberale Gobetti, collaborazione intensa e sincera che però non condusse nessuno dei due ad un abbandono delle proprie posizioni.
    Tornando più al tema che suggerisci, penso che avrebbe condannato il giovanilismo a tutti i costi ed ancor più, la condizione di precariato sul lavoro.
    Penso però che avrebbe dimostrato simpatia per l'adolescenza intesa come inquietudine, come ribellione allo schematismo ecc.
    Sono molto belle, nelle "Lettere dal carcere", certe pagine in cui Gramsci rievoca sè stesso ragazzino in giro per le campagne e le strade di certi minuscoli paesini sardi... in cerca di aria, luce, alberi ed animaletti da studiare...
    Bis bald (a presto).

    RispondiElimina
  14. 'è un'area di discussine aperta sul mio blog.Se vuoipartecipare:
    http://kinnie51.blogspot.com/2010/05/lesigenza-di-unideologia-laica.html

    RispondiElimina
  15. sembra molto interessante! ho apprezzato molto la spiegazione dell'etimologia della parola 'adolescente'.
    l'intera recensione fa venir voglia di scoprire quale sia, alla fine, questo segreto.

    RispondiElimina
  16. rif. Paola D.
    Mi sembra un'iniziativa interessante.
    Appena possibile, parteciperò senz'altro.
    Ciao.

    RispondiElimina
  17. rif. la Ragazza con la valigia
    Ciao, Ragazza!
    Ringrazio per il tuo interesse...
    Garantisco che si tratta di una ricerca davvero stimolante.
    Presto da te!

    RispondiElimina
  18. Oh Cielo: recensore e autrice sotto lo stesso tetto!
    Partirò dal padrone di casa, ringraziandolo per non averci svelato il segreto della "bella Isa" e per portarci a visitare locande nella brughiera così interessanti.
    All'autrice, padrona della suddetta casetta, i miei migliori complimenti: ho visitato il luogo, anche se un po' di fretta, e sono rimasta subito pervasa dal profumo di lavanda ... delizioso.
    Verrò presto a prendere un tè, magari con sottobraccio un libro (uno a caso) ... adoro gli autografi!
    Vi abbraccio.

    RispondiElimina
  19. rif. solindue
    E tre!
    Nel senso che sotto lo stesso tetto bloggistico, ora è arrivata anche la she-boss della fantasmagorica rivista "The best", su cui scrive anche il sottoscritto!
    Preparatemi un mirtino... presto arriverò anch'io.
    Abbraccione.

    RispondiElimina
  20. Grazie a tutti voi per l'interessamento, in particolare a Solindue che ha visitato "la mia locanda nella brughiera"!
    Anch'io ho visitato i vostri luoghi virtuali!
    Un abbraccio a voi e al padrone di casa!
    ;-D

    RispondiElimina
  21. rif. Sonia Ognibene
    Contraccambio, Sonia... a nome mio e sono sicuro, un po' anche a nome degli altri e delle altre!
    Buona serata.

    RispondiElimina
  22. Davvero una recensione completa e fatta con cuore.
    Me lo segno nella mia lista dei desideri...
    gio

    RispondiElimina
  23. rif. La mente persa
    Beh, quantomeno ci ho provato...
    Tra i miei desideri, c'è leggere una tua opera.
    Che cosa ne pensi?
    Ciao!

    RispondiElimina
  24. Magari, adesso io e la mia penna siamo in conflitto con le regole della drammaturgia, insomma, un pò di regole aiutano la creatività.
    Al momento mi godo le opere altrui con profonda soddisfazione, poi, l'estate (in arrivo) è una stagione di magia per libri e cinema.

    RispondiElimina
  25. rif. La mente persa
    Allora, cara Gio, che dire?
    Ti aspetto al varco...
    Naturalmente, con tantissima curiosità & simpatia!
    Quindi speriamo proprio che... l'estate porti consiglio...

    RispondiElimina
  26. pare interessante, molto direi.
    bella recensione

    RispondiElimina
  27. Complimenti per la recensione Riccardo!:) Molto bella e...mi ha incuriosito molto.Vediamo se lo trovo qui in libreria...magari a Pescara più probabile.
    Complimenti anche all'autrice ovviamente!!!

    Buona giornata!

    RispondiElimina
  28. rif. sR
    Lo è è davvero, sR.
    Ringrazio per la stima.
    Ciao.

    RispondiElimina
  29. rif. Guernica
    Grazie, Guern'!
    Penso che a Pescara dovresti trovarlo abbastanza facilmente; la Raffaello editrice è (se non sbaglio) una casa di Ancona.
    Un giorno dobbiamo parlare anche dei tuoi scritti...
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  30. Io ce l'ho!
    Buona giornata Riccardo!

    RispondiElimina
  31. rif.Erica Lee
    Mi fa MOLTO piacere, Erica!
    Buona giornata anche a te!

    RispondiElimina
  32. Inutile dire che Sonia è una persona molto sensibile e speciale, a me piace moltissimo!
    Ciao Riccardo, complimenti per la recensione!!!

    RispondiElimina
  33. rif. Miriam
    Condivido il tuo parere al 100% e se possibile, perfino un po' oltre!
    Ciao a te e grazie per l'apprezzamento!
    A presto.

    RispondiElimina
  34. Se continuate ancora con tutti questi complimenti diventerò più rossa di un pachino.
    Grazie, vi abbraccio tutti di cuore!

    RispondiElimina
  35. rif. Sonia Ognibene
    "Peggio" per te che scrivi bene... pensavi di scampartela, eh?!
    Comunque, che cos'è un pachino?
    Io e di sicuro anche gli altri, ricambiamo l'abbraccio!

    RispondiElimina
  36. Grazie per la segnalazione, me lo segno fra i libri che spero di leggere quest'estate, ciao.

    RispondiElimina
  37. Caro Riccardo, dicesi "pachino" la varietà di pomodorini piccoli e rossi provenienti dalla città di Pachino, appunto.
    Buona giornata a tutti!

    RispondiElimina
  38. rif. Mariacristina
    Grazie a te per l'attenzione, Mariacristina.
    Passerò presto da te, va bene?
    Ciao.

    RispondiElimina
  39. rif. Sonia Ognibene
    Non li conoscevo; mai sentiti nominare.
    Ma se sono buoni me li cerco: adoro i pomodori, in tutte le loro varietà "pomodoriche."
    Buona giornata anche a te!

    RispondiElimina
  40. grazie Riccardo per il pensiero gradito e affettuoso lasciato a mia sorella. Rileggerti è stato veramente un piacere. Ho apprezzato i tuoi ultimi post e l'attenzione riservata anche alla letteratura. Come ti ho scritto nella mia ultima email, non molto recente, mi piacerebbe acquistare il tuo libro "Gioioso tormento" e il libro sopra citato della sig.ra S.Ognibene, di cui ho gia sentito parlare.Se mi faciliti la possibilità di acquisto, te ne sarò infinitamente grata.
    Ricordi di adolescente, mi legano ai romanzi di Natalia Ginsburg che conservo gelosamente.
    Un caro saluto, Patrizia

    RispondiElimina
  41. rif. Anonimo
    Ciao Patrizia!
    Anche a me fa piacere "passare" da Angela e ritrovarti qui.
    Ringrazio anche a nome di Sonia per l'interesse che dimostri per la sua opera; è un libro che vale, davvero.
    Grazie anche per l'interesse che dimostri per "Il gioioso tormento"! Se vorrai acquistarlo, potrai seguire le indicazioni che troverai sul lato sinistro dell'home page, i banner "Dove trovare i miei libri" o "I libri di Riccardo Uccheddu."
    Se dovessi avere delle difficoltà, fammi sapere. E grazie ancora!
    Della Ginzburg ricordo "Lessico famigliare", che però vorrei rileggere perchè sono passati tanti, tanti anni... Una grande, comunque; non c'è dubbio.
    Un caro saluto anche a te e... stai bene.

    RispondiElimina
  42. A proposito di coucce perse....
    MANNAGGIA MI ERO PERSA IL LINK DEL TUO BLOG...TI HO CERCATO ANCHE IN ALTRO MODO...
    ECCOMI DI NUOVO QUI...
    CIAO RICCARDO SPERO STIA BENE!!!!
    UN CARO SALUTO
    MAGA (LILLY)

    RispondiElimina
  43. rif. Maga di Endor
    So che sembra una battuta facile-facile, ma abbiamo in comune, come minimo, almeno questo: che anch'io avevo perso il tuo link!
    Dovevo inviarti un commento e poi mi si è imbambolato tutto il pc.
    Ma ora... a presto!

    RispondiElimina
  44. Sonia Ognibene
    LIbro veramente stupendo Sonia ....Grazie al tuo scritto sono riuscita a superari alcuni miei problemi adolescenziali un bacione
    Petalo nel Vento

    RispondiElimina
  45. rif. Anonimo
    Ciao Petalo!
    Girerò presto questo tuo bellissimo commento a Sonia.
    In effetti, sui tratta davvero di un gran libro.
    Ciao!

    RispondiElimina
  46. Petalo nel Vento, leggo solo oggi questo tuo commento e mi ha fatto emozionare!
    Grazie a te per aver letto il mio romanzo... sono felicissima se attraverso una storia tu abbia potuto superare alcuni problemi.
    Un abbraccio fortissimo!

    RispondiElimina
  47. Conosco Sonia da un po' di anni ormai. Abbiamo spesso condiviso la passione per la narrativa, scambiandoci a volte consigli su libri e letture. Ho potuto leggere qualche pagina di "Isabel" solo quando era ancora un abbozzo, una crisalide che di lì a poco si sarebbe trasformata nella farfalla magnifica che adesso è diventata. Mi ritengo fortunato per aver letto e tenuto tra le mani quelle poche pagine: già allora il talento di Sonia emergeva puro e cristallino. Un riflesso impeccabile della sua personalità di donna.
    Ricordo Isabel che viaggiava in treno per andare a trovare il nonno. Ricordo una ragazzina che custodiva un segreto, chiuso dentro di sé come un sasso in un pugno. Ricordo una vibrazione, un tremore dell'animo, una luce e un buio invisibili che mi accompagnavano mentre i miei occhi scorrevano veloci su quelle poche righe.
    Non ho ancora letto il romanzo, ormai terminato e pubblicato. Ma non avrei alcun motivo per dubitare del suo valore letterario e della bellezza intrinseca che ne anima ogni pagina. Valore e bellezza, interiore e morale, che si trovano già nella sua autrice e che, di conseguenza, come ho prima accennato, non potevano non riflettersi anche nella sua opera.
    Spero che questo romanzo sia solo il primo. Che il viaggio di Sonia nel mondo della narrativa sia solo all'inizio. E che faccia dono a noi lettori di altri segreti da svelare o non svelare.

    Vicio

    RispondiElimina
  48. grazie saluto a sonia o preso 10 perchè o fatto il compito sul tuo libro....e ti ringrazie che esisti.........

    RispondiElimina
  49. rif. Anonimo
    Segnalo subito il tuo commento a Sonia e... complimenti per il 10!
    Ciao.

    RispondiElimina
  50. Vicio, leggo solo ora il tuo commento: ti ringrazio infinitamente per queste parole... così belle, così emozionanti. Spero che potrai leggere il mio romanzo al più presto.
    Un abbraccio, amico mio.

    RispondiElimina
  51. Carissimo/a, sono felicissima che tu abbia preso 10! Mi ringrazi che esisto? Non sai quanta gioia mi danno queste parole!!! Io ringrazio te, con tutta l'anima!

    RispondiElimina
  52. Io ho letto questo libro "IL SEGRETO DI ISABEL" a scuola per il progetto lettura..è un libro molto interessante..che rappresenta in pieno noi adolescenti..i nostri problemi,pensieri,azioni..veramente complimenti! è un libro fantastico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anonimo, davvero! Mi hai resa davvero felice!!!

      Elimina
  53. E' stato il primo libro che avessi mai letto in vita mia, e come primo libro mi ha ispirato a leggerne altri, di genere adolescenziale sprattutto.Devo ringraziare la mia prof che me lo ha consigliato, ma soprattutto te che lo hai scritto.Mentre leggevo sognavo ad occhi aperti, immaginavo i posti dove isabel e' stata come la villa al mare del nonno, le sue senzazioni, i suoi problemi e il suo segreto che sinceramente non avrei mai pensato che fosse un segreto del genere, forse non me n'ero fatta neanche un'idea, spero che scriverai al piu' presto un'altro libro del genere.Alla fine mi sono messa a piangere, concludo salutandoti con un grosso bacio e scrivendo: "NONNO GUARDAMI, STO ARRIVANDO" :)<3 T.V.U.K.D.B. PS:Mi chiamo Ilde Calvello e ho 13/14 anni

    RispondiElimina
  54. avete le risposte del libro attivo?

    RispondiElimina
  55. rif. Anonimo
    Libro attivo nel senso di audiolibro?

    RispondiElimina

.
Al fine di evitare lo spam, I Vostri graditi commenti saranno pubblicati previa autorizzazione da parte dell'amministratore del Blog. Grazie.
.