I commenti sono ovviamente graditi. Per leggerli cliccate sul titolo dell'articolo(post) di vostro interesse. Per scrivere(postare,pubblicare) un commento relativo all'articolo cliccate sulla voce commenti in calce al medesimo. Per un messaggio generico o un saluto al volo firmate il libro degli ospiti (guest book) dove sarete benvenuti. Buona lettura


mercoledì 28 febbraio 2018

“American idiot”, dei Green Day


Si tratta di un rock senza fronzoli, tutto centrato su basso-chitarra-batteria, e con al centro una voce aggressiva il giusto. Un rock di quelli che ormai, in giro si sentono sempre meno.
A me questo brano ricorda parecchio la musica dei Clash, ma come uno che si riallaccia ad una tradizione, non come una volgare scopiazzatura. Un po' come certe canzoni di Ryan Adams possono ricordare qualcosa di Neil Young, o Ruminations di Conor Oberst, il Dylan di Blonde on blonde o quello di Desire.
Ripeto: il pezzo si basa tutto su una ritmica basso-chitarra molto serrata, sostenuta da una batteria essenziale... un drumming che fa pensare ad un durissimo metronomo. Nel brano, si inseriscono poi degli improvvisi stop di tempo e dei violenti strappi di chitarra: insomma, la chitarra si blocca di scatto e nello stesso modo, riparte. L'effetto complessivo è spiazzante ed insieme esaltante.
Il testo non è meno diretto della musica. American idiot significa “idiota americano.” Billie Joe Armstrong, cantante e chitarrista del gruppo, canta spesso: “Non voglio essere un idiota americano.” Egli aggiunge che non vuole una nazione succube dei nuovi media, quindi chiede ad ognuno: “Senti il suono dell'isteria?”
Il pezzo condanna i “sogni televisivi del futuro” e denuncia un “nuovo tipo di tensione” che manipola le menti e condiziona le azioni delle persone... . spesso in modo davvero invasivo
Così, per rifiutare un incubo in cui non vorrebbe vivere nessuno, Billie ripete fiero: “Non voglio essere un idiota americano” e vede una nazione: "Controllata dai media/ la nazione dell'informazione e dell'isterismo/ che dilaga nell'America idiota.”
In effetti, la mania di trovarsi a tutti i costi sui cosiddetti social e di filmare, registrare e fotografare qualsiasi cosa... anche fatti ed ambienti ben poco interessanti (spesso solo quelli), ebbene, tutto questo ci impedisce di conoscere davvero la realtà. Soprattutto, ci impedisce di vederla in modo critico e personale.
Ma come cantano i Green Day, anche per smentire un ottimismo spesso illusorio: “Non tutto deve andare bene per forza.”
Purtroppo, spesso finiamo un po' tutti per uniformarci a questo discutibile miscuglio di ottimismo a buon mercato e di tecnologia, che talvolta utilizziamo con poco buon senso. Allora anche un bel rock vecchio stile può contribuire a svegliarci un po'.
Inoltre, secondo me è molto utile il confronto tra American idiot e Working class hero di John Lennon, che non a caso è stata ripresa qualche anno fa dai Green Day in versione rockeggiante. Il pezzo di Lennon, infatti, denunciava una tendenza a rimbambire la gente con un uso distorto di sesso, alcol e tv.
Sempre Lennon, stavolta in Remember, attaccava la mania di sognare una società di “divi del cinema.”
In breve: secondo me, nel loro pezzo i Green Day hanno saputo fondere protesta sociale e rock; quello che sa e vuole usare chitarra, basso e batteria come altrettante “armi” e che ci fa ballare coi piedi, ma senza calpestare il nostro cervello. E magari, neanche quello degli altri.

20 commenti:

  1. Direi ottima e centrata rece ... e leggendoti, quando parli dei social e di un certo ottimismo idiota, ho pensato a Gramsci, quasi avessero rovesciato il suo "pessimismo dell'intelligenza, ottimismo della volontà".

    RispondiElimina
  2. rif. Alligatore
    Ti ringrazio, Diego!
    Ottima osservazione, la tua: certo ottimismo (intendo quello che dovrebbe esistere a tutti i costi), secondo me serve solo a nascondere i problemi. Non certo a vederli come sono realmente, nè a risolverli.
    Salutone.

    RispondiElimina
  3. Bel post/recensione! Sai, devo essere sincero, li ho sempre trovati piacevoli da ascoltare ma il punk sta da in altra parte. Sono bravi nel fare un rock alternativo e melodico e hanno imparato bene la lezione di gruppi USA precursori come i Pixies o i miei amanti Hüsker Dü.
    Ripeto però la tua rece mi è piaciuta e approfondirò. Direi che è centrata su temi attuali. Buona serata.

    RispondiElimina
  4. rif. Enri1968
    Intanto, grazie!
    Certo, il punk sta da un'altra parte. infatti li ho paragonati più ai Clash che per es., ai Sex Pistols.
    Forse negli U.S.A. (beninteso, la mia è solo un'ipotesi) l'influenza del melodico, anche nel rock, "tiene"...
    Importante però utilizzare tutto questo come ideale veicolo per trasmettere certi messaggi.
    Buona serata a te!

    RispondiElimina
  5. Great post however , I was wanting to know if you could write a litte more on this subject?
    I'd be very thankful if you could elaborate a little bit more.
    Thanks!

    RispondiElimina
  6. Asking questions are truly fastidious thing if you are not
    understanding anything completely, except this paragraph gives good understanding yet.

    RispondiElimina
  7. You completed some fine points there. I did a search
    on the subject matter and found mainly folks
    will have the same opinion with your blog.

    RispondiElimina
  8. Li ho ascoltati qualche volta, ma non me ne intendo. Comunque i tuoi post musicali sono sempre un piacere, carissimo Riccardo!

    RispondiElimina
  9. rif. Anonimo
    Thank you!
    Soon I will write something more... I hope.
    Anyway, writing and rocking are very good to fight histeria and redneck mentality.
    Bye!

    RispondiElimina
  10. rif. Sonia Ognibene
    Carissima Sonia, grazie!
    Comunque, il vero rock va solo ascoltato e gustato, senza troppe preoccupazioni.
    Un po' come il buon vino, che va solo gustato. Il discorso critico si può fare dopo, con calma.
    Passerò presto da te, sono tornato stamattina dall'Inghilterra, testa k.o. per no sleep (all night) in the airport!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Inghilterra????? Noooo e non mi avvisi? Mi devi raccontare tutto!!!

      Elimina
  11. I’m not that much of a online reader to be honest but your blogs really nice, keep it
    up! I'll go ahead and bookmark your website to come back later.

    Many thanks

    RispondiElimina
  12. rif. Sonia Ognibene
    Yes, in Oxford... with my school...
    Ne parlerò in un prossimo post, tranquilla!
    A presto.

    P.s.: devo anche chiederti lumi su una serie inglese che si è ispirata alla vita di C.S. Lewis.

    RispondiElimina
  13. I am really happy to glance at this weblog posts which consists of
    tons of valuable data, thanks for providing such statistics.

    RispondiElimina
  14. When someone writes an post he/she maintains the image of a user in his/her brain that how a user can understand it.
    So that's why this piece of writing is perfect. Thanks!

    RispondiElimina
  15. Great post. I was checking continuously this blog and I'm impressed!
    Very useful info particularly the last part :) I care for such info a lot.
    I was seeking this certain info for a very long time. Thank you and good luck.

    RispondiElimina
  16. Rif.Sonia Ognibene
    Si intitola "Shadowlands".
    Ma mi pare che sia anche il titolo originale del film "Viaggio in Inghilterra", con Anthony Hopkins e Debra Winger.
    Non so se si tratti di un caso. Boh...

    RispondiElimina
  17. rif. Anonimo
    Thank you so much for the "perfect".
    Really!

    RispondiElimina
  18. rif. Anomino
    Thanks thanks thanks!
    Rock 'n roll and fight and.. brain are very important to me.
    Good luck to you too!

    RispondiElimina

.
Al fine di evitare lo spam, I Vostri graditi commenti saranno pubblicati previa autorizzazione da parte dell'amministratore del Blog. Grazie.
.