I commenti sono ovviamente graditi. Per leggerli cliccate sul titolo dell'articolo(post) di vostro interesse. Per scrivere(postare,pubblicare) un commento relativo all'articolo cliccate sulla voce commenti in calce al medesimo. Per un messaggio generico o un saluto al volo firmate il libro degli ospiti (guest book) dove sarete benvenuti. Buona lettura


venerdì 30 giugno 2017

Lavorare per vivere


Dovrebbe essere scontato che per vivere, gli esseri umani devono lavorare; ed in modo dignitoso.
Dovrebbe essere chiaro che il lavoro deve essere retribuito in modo giusto, adeguato.
Dovrebbe essere chiaro che sul posto di lavoro, le norme ed i contratti devono essere rispettati sia dal lavoratore sia dal datore.
Dovrebbe essere evidente che nessun datore possa usare la violenza fisica o psicologica nei confronti di chi lavora.
Ma a queste più che ovvie considerazioni, alcuni ribattono: “Belle parole. Tu vuoi fare della filosofia, ma la realtà è un'altra cosa.”
Filosofia la mia? Può darsi, ma se la intendiamo come un tentativo di capire, attraverso la ragione, la realtà. Non si tratta quindi di qualcosa di “astratto.” Infatti, che cosa possono fare gli esseri umani, che sono esseri razionali, se non utilizzare ciò che li caratterizza cioè la ragione? Devono usarla per forza, perché quella è la loro natura: così come è nella natura del pesce nuotare.
Ma vediamola, questa realtà.
Oggi vorrei parlarvi di una fatto gravissimo rivelato nei giorni scorsi da giornali e tg. Come fonte sono ricorso a bari.repubblica.it del 19 giugno 2017.
I fatti.
Nel Brindisino, sono state arrestate 4 persone che sfruttavano e minacciavano, oltretutto approfittando del loro “stato di bisogno”, 15 donne che dovevano lavorare più di 8 ore al giorno “a fronte delle sei ore e mezzo previste dal contratto.”
Dalla paga sarebbero stati poi scalati 8 euro per il trasporto da Villa Castelli (Brindisi) e da altri comuni del Brindisino e del Tarantino, per essere condotte “nel Barese.” Così, dalla paga giornaliera di 55 euro, si scendeva a 38.
Aggiungo che ipotizzando una settimana lavorativa piena, cioè di 7 giorni su 7, un'ora e mezzo (facciamo anche 2) di lavoro in più al giorno, significa 14 ore a settimana di lavoro gratis.
Questa pessima vicenda è emersa perché una delle donne ha raccontato agli investigatori di essere stata picchiata per aver chiesto “la regolarizzazione del contratto.”
Le persone arrestate: “Michelangelo Veccari, la compagna Valentina Filomeno, Grazia Ricci e Maria Rosa Putzu.”
Le 4 persone arrestate gestivano un sistema tristemente efficiente: il giro era gestito da Veccari-Filomeno, le altre 2 arrestate si occupavano una di “procacciare la manodopera” ed un'altra, era una dipendente dell'azienda ritenuta “committente.”
Il clima di paura e di ricatto è stato provato anche dalle intercettazioni telefoniche. In una una di queste si sente: “Alle femmine pizze e mazzate ci vogliono, altrimenti non imparano”; in un'altra: “Femmine, mule e capre tutte con la stessa testa.”
Non sappiamo (benché pare che qualche giornale abbia avanzato questa ipotesi) se via siano state anche minacce o avances di tipo sessuale, ma il quadro mi sembra abbastanza pesante anche così.
Comunque, in tante parti del sud, spesso la situazione di chi lavora nelle campagne è questa: sfruttamento, botte, minacce, ricatti di vario tipo. Non di rado, della gestione di questo genere di “lavoro” si occupano mafie e camorra. E come sappiamo, molte aziende sono controllate da certe organizzazioni.
Ma talvolta, dati i profitti che si possono ottenere con certi aiutini, forse si può parlare più che di controllo, di una cordiale... collaborazione.
Stroncare questo sistema feudale e mafioso è una delle emergenze di questo Paese: non si può assolutamente ammettere che chi lavora nei campi di ciliegie, nelle vigne o si occupa della raccolta dei pomodori, debba vivere in condizioni semi-schiavistiche. Altro che filosofia!

8 commenti:

  1. Concordo su tutta la linea, e devo dire che situazioni così si possono avere anche al nord. Ho sentito dire che nel turismo, da queste parti, si assumono persone per una paga inferiore alle ore fatte effettivamente. Tutta l'Italia è paese ... di m.

    RispondiElimina
  2. rif. Alligatore
    Caro Diego, temo proprio che tu abbia ragione...
    E' un sistema organizzato in modo da spremere sempre più la gente che lavora; spesso, speculando sulla crisi e sulla disperazione.
    E questa situazione riguarda persone che lavorano nei servizi, nel mondo operaio, in quello dell'insegnamento (precari, scuole private etc,. etc.).
    Un mondo immondo!

    RispondiElimina
  3. Concordo con te tra l'altro quella di cui parli è una piaga molto presente e di cui si parla troppo poco.

    RispondiElimina
  4. rif. Daniele Verzetti il Rockpoeta
    Vero, Daniele.
    Ne parlano qualche minuto i tg, ma non troppo, eh: perchè il gossip e le notizie sul calciomercato sono molto più importanti!

    RispondiElimina
  5. Concordo con te. Per non parlare di chi rientra al lavoro dopo la maternità, quante cose cambiano? dalle stelle alle stalle! E lo dico per esperienza ahimè!

    RispondiElimina
  6. rif. Daniela M.
    E' pazzesco!
    Sembra che sempre più, i nostri diritti siano considerati carta straccia... E quasi quasi, toglierei il "sembra."
    Oltretutto, si fanno tanti bei discorsi sulla famiglia, e poi si rende la vita impossibile ad una donna che (in un mondo sballato come questo) ha il coraggio e l generosità di mettere al mondo un figlio..
    Salutone. Comunque.

    RispondiElimina
  7. Paradossalmente, toccherebbe scrivere "morire per lavorare", toccherebbe scrivere così almeno tutte le volte, tante, in cui chi lavora in campagna a giornata, sfruttato con crudeltà e oggetto di violenza, muore di fatica, letteralmente muore.
    Non so perché, ma di questa zona nera della nostra realtà si parla solo in occasione di disgrazie impossibili da ignorare.
    A pagare il prezzo dello sfruttamento fino alla perdita della dignità e alla morte sono persone di diversa provenienza, tanto che l'amarezza mi fa dire che davvero in queste zone fuori dalla legge e dalla civiltà si è realizzata una parità di condizioni tra gli italiani (poveri) e gli stranieri (disperati).
    Ma che Paese è questo, se come unica forma di uguaglianza realizzata ha quella dello sfruttamento feroce e dello schiavismo?

    RispondiElimina
  8. rif. Sabina K
    Benvenuta, Sabina!
    Purtroppo, dici molto, troppo bene: si tratta di una sorta di uguaglianza... nello schiavismo.
    Si tratta, inoltre, di un sistema la cui ferocia ed assurdità, sembra però direttamente proporzionale e funzionale a certi sporchi affari.
    Affari e profitti che non possono essere fatti in modo legale ed umano.
    Quando avevo 15 anni sognavo il 2000; ora che ne ho 40 di più, 'sto 2000 mi sembra un incubo.
    Un incubo però a cui non bisogna rassegnarsi!
    Salutone, passerò presto da te.

    RispondiElimina

.
Al fine di evitare lo spam, I Vostri graditi commenti saranno pubblicati previa autorizzazione da parte dell'amministratore del Blog. Grazie.
.