I commenti sono ovviamente graditi. Per leggerli cliccate sul titolo dell'articolo(post) di vostro interesse. Per scrivere(postare,pubblicare) un commento relativo all'articolo cliccate sulla voce commenti in calce al medesimo. Per un messaggio generico o un saluto al volo firmate il libro degli ospiti (guest book) dove sarete benvenuti. Buona lettura


sabato 25 gennaio 2014

“America 1929: sterminateli senza pietà”, di Martin Scorsese


Uno dei primi films di Scorsese. Protagonisti: Barbara Hershey, David Corradine e suo padre John. Il film è liberamente tratto dall'autobiografia di Bertha Thompson, Sister of the road (sorella della strada), però Scorsese ha saputo trarre dal libro un gran bel film. Egli ha infatti colto benissimo lo spirito irrequieto di Bertha, che non era una semplice vagabonda bensì una donna curiosa, intelligente ed appassionata.
Figura centrale è naturalmente Bertha (la Herhey): la sua sensualità, unita alla sua iniziale ingenuità, l'esser lei anche guardinga ma più spesso pronta a lasciarsi andare alla corrente della vita, magari con una franca risata, la sua innocenza anche nel crimine, l'amore incondizionato per Bill (D. Corradine) oltre che per i lavoratori... be', tutto questo fa di lei una figura unica.
In questo film (sebbene ambientato durante la Grande Depressione del '29) la Hershey mi ha ricordato molte delle ragazze degli anni '70: scanzonate & anche naif ma pronte a prendere fuoco di fronte all'ingiustizia. Del resto, sebbene il libro della Thompson sia del '37, ha forse anticipato alcuni temi degli anni '60-'70.
Accanto a Bertha-Barbara abbiamo anche un'altra grande figura, quella di Big Bill Shelly (D. Corradine): sindacalista rivoluzionario che viene suo malgrado coinvolto in una serie di rapine. Bill non è fatto per quella vita: ma risulta difficile uscirne, quando alle calcagna hai la polizia e le guardie del padrone della ferrovia (il miliardario Sartoris, J. Corradine).
Inoltre, Bill viene cacciato proprio dal suo sindacato. Così, dopo essersi bruciato tutti i ponti alle spalle e consapevole che le sole alternative a quella vita sono costituite dalla sedia elettrica, dall'essere ucciso dai poliziotti o dagli sgherri di Sartoris, Bill non può che continuare...
Però lui (versione americana di Robin Hood) e la sua banda rubano solo ai ricchi e destinano agli operai parte del bottino.
Rubano poi a Sartoris, uomo che usa il pugno di ferro coi lavoratori... fino a farli prendere a fucilate e ad incendiare le loro povere tende o baracche.
Risulta così a suo modo divertente la scena della rapina in casa Sartoris, con una Bertha mozzafiato che pistola in pugno, fasciata in un elegante vestito rosso e con uno smagliante sorriso si rivolge così a Sartoris e ad i suoi amici miliardari: “Volevo... volevo dirvi che questa è una rapina, ma se vi metterete contro il muro ci eviterete la fatica di spararvi.”
Scorsese non si limita a rappresentare rapine, assalti armati ai treni, sparatorie ecc. No, quelli sono gli elementi necessari del film, quelle sono le cose che una banda fa.
Ma insieme a quegli elementi troviamo anche quello sociale o sociologico: il razzismo, le lotte e gli scioperi dei ferrovieri, la crisi economica, lo sfruttamento della prostituzione, la diffusione a tutti i livelli del gioco d'azzardo, l'alcolismo...
Poi, la storia d'amore di Bertha e Bill, benché si svolga tra una rapina e l'altra ed abbia come “luoghi” treni merci e case diroccate, è rappresentata mantenendo un certo equilibrio tra loro tenerezza e la loro (spesso incosciente) passione. Anche in questo la Hershey e Corradine riescono benissimo.
Comunque il film scorre alla grande, con in sottofondo una colonna sonora blues; blues eseguito però senza strumenti elettrici: solo voce, chitarra acustica ed armonica. Troviamo soltanto un rock, del resto necessario in un momento piuttosto drammatico del film.

Mi fermo qui perché come faccio spesso quando parlo di cinema, vorrei darvi un'idea, spero stuzzicante dei films che commento; ma vi assicuro che quello che non vi ho detto è molto più stimolante...      

10 commenti:

  1. Ho preso nota di questo "Robin Hood" con l'amata al suo fianco al posto di Little John ;)
    Pare anche divertente!

    RispondiElimina
  2. Riccardino bello , ricordo questro film vagamente, sicuro l'ho visto perchè è diffcile che perda un film di Scorsese, ma l'ho accantonato nella memoria sicuramente.,.
    Devo rivederlo , lo segno e poi ti dirò..
    Bacio sotto un diluvio!

    RispondiElimina
  3. rif. alicemate
    Sì, si tratta davvero di un gran bel film...
    Oltretutto e (molto) stranamente, forse anche poco conosciuto. Chissà perchè!
    Un film del resto più complesso di quanto potrebbe sembrare: sociale, divertente, drammatico... ma in un modo comunque, che mantiene senso e coerenza.
    Salludus!

    RispondiElimina
  4. rif. Nella Crosiglia
    Carissima Nella, forse l'accantonamento dipende dal fatto che il film ha avuto pochissimi passaggi televisivi.
    Perchè quanto a qualità artistica, vale un Perù!
    Vabbe', questa esclamazione sa molto di Orietta Berti; povero me!
    Baci tra le nuvole, il sole ed appunti di lezione da preparare...

    RispondiElimina
  5. Non lo ricordo,il film,ma la tua presentazione lo rende appetibilissimo,e poi gli ingredienti ci sono tutti!!
    Grazie anche per questo buon lavoro che fai,certi input sono preziosi,in letteratura come in altri campi della conoscenza..Ciao Riccardo e a presto.

    RispondiElimina
  6. rif. chicchina
    Grazie a te per aver apprezzato!
    Penso, in effetti, che ci siano film e/o libri che meritino d'essere "salvati" dall'oblio e dall'indifferenza a cui sono condannati da una critica (o da un business) spesso piuttosto superficiale...
    Ciao a te!

    RispondiElimina
  7. Per la serie: quando Scorsese era un grande regista... poi si è tagliato la barba e ...

    RispondiElimina
  8. rif. Alligatore
    In barbam artem un po' come in vino veritas... sarebbe così, Ally?
    Beh, chissà che non sia davvero così. Non ci avevo mai pensato... e magari hai ragione!
    A presto.

    RispondiElimina
  9. Be', se ti dicessi di sì, sarei di parte, visto il barbone nero che mi ritrovo in questo periodo...

    RispondiElimina
  10. rif. Alligatore
    Ah, il barbone magico!
    Ti dirò: ogni tanto io penso di farmi ricrescere delle basette di tipo presleyano-springsteeniano...

    RispondiElimina

.
Al fine di evitare lo spam, I Vostri graditi commenti saranno pubblicati previa autorizzazione da parte dell'amministratore del Blog. Grazie.
.