I commenti sono ovviamente graditi. Per leggerli cliccate sul titolo dell'articolo(post) di vostro interesse. Per scrivere(postare,pubblicare) un commento relativo all'articolo cliccate sulla voce commenti in calce al medesimo. Per un messaggio generico o un saluto al volo firmate il libro degli ospiti (guest book) dove sarete benvenuti. Buona lettura


martedì 16 aprile 2013

La chiamano crisi (prima parte)


Beh, crisi... in realtà dovremmo chiamarla povertà, oppure fame; per molti, questa “crisi” è anzi la più nera delle disperazioni.
Ricordate quando (prima che arrivasse il governo “tecnico”, ma parlerò anche di quello) si diceva che da noi non c'era crisi o che comunque da noi non sarebbe arrivata?
Una faccenda simile era già stata analizzata con severa e paradossale arguzia da Gramsci.... nel 1918!
Infatti, in un articolo intitolato “Disagio” il Nostro scriveva: “La fame esiste perché esiste la parola. Se avessero dato lo stesso nome alla fame e alla sazietà, alla carestia e all'abbondanza, tutti, avendo fame, avrebbero avuto la persuasione di essere sazi e vedendo vuoti gli scaffali dei panettieri avrebbero detto: quale mai abbondanza di pane!”1
Chiaro, no? La fame potrebbe essere saziata dalle parole, che andrebbero corrette. Corrette le parole, sparite la fame e la crisi. Anche la disoccupazione, dico io, potremmo chiamarla piena occupazione oppure lavoro. Sei disoccupato... e non sei contento? Significa che lavori!
Purtroppo, come ricorda Gramsci, c'è sempre qualcuno che: “Invece.... si permette di discutere; si permette di parlare; si permette di accusare.”2
A quel punto la gente prende coscienza della situazione, o almeno comincia a dubitare della legittimità e della sensatezza dei sacrifici che le sono imposti.
E magari chiede che siano altri a farli: per esempio quelli che non ne hanno mai fatto o che addirittura, la crisi hanno contribuito in larga misura a causarla. Per esempio speculatori, evasori fiscali, banchieri, soloni dell'alta finanza ecc.
Il presidente del consiglio europeo, il belga Van Rompuy, ha di recente rilevato appunto nell'Ue un'evasione fiscale di mille miliardi di euro, corrispondente “al Pil della Spagna, all'intero bilancio Ue dei prossimi 7 anni e che è '100 volte di più' del prestito accordato a Cipro.”3
Van Rompuy ha aggiunto che nella lotta all'evasione fiscale: “Non si possono tollerare compiacenze”; inoltre, egli “definisce l'evasione fiscale 'ingiusta' per cittadini e imprese nonché 'problema estremamente grave' per i Paesi che devono risanare le finanze pubbliche.”4
Non sarà quindi il caso d'andare a pescare i soldi lì... e lasciare in pace tanti martoriati popoli del Vecchio continente? Io penso di sì.
Penso altresì che se lo si vuole davvero (accantonando quindi mere affermazioni morali, oratorie o addirittura retoriche) si possano recuperare una tale massa di capitali e con essi ridare forte impulso a varie attività economiche, lavorative e sociali.
Capitali che dunque dovranno essere sottratti alla speculazione ed all'evasione fiscale, fenomeni questi troppo spesso tollerati.. quando non favoriti.
Ah, che brutte cose la coscienza ed il senso critico!

                                                                        
Note

1. Antonio Gramsci, Sotto la Mole (1916-1920), Einaudi, Torino, 1960, p.423. Il corsivo è mio. 
2. A. Gramsci, Sotto la Mole, op. cit., p.424.
3. Ansa, 13 aprile 2013, 08:41. Il corsivo è mio.
4. Ansa, 13 aprile 2013, 08:41.
 

6 commenti:

  1. Quanto è difficile pensare, trovare soluzioni a questa crisi... ogni tanto io voglio credere che questi sacrifici siano stimolo, siano motivo di crescita nei valori, nel rispetto di ogni dono, che sia motivo di valorizzazione di ogni piccola parte di ricchezza che c'è in ogni vita.
    Oggi mi sono arrabbiata, forse troppo, perchè una mia piccola alunna ha pasticciato un banco sciupando colla e mancando di rispetto dei soldi e degli sforzi di tutti, compresa la spesa per la sua scuola e l'ho spiegato con enfasi. Mah! scusa per questo sfogo, ognuno di noi ha delle colpe!

    RispondiElimina
  2. rif. a
    Forse, come dicevano gli antichi Greci, "da piccole cose nascono grandi cose."
    Perciò è sicuramente importante il fatto che anche i piccoli imparino il senso del risparmio (che è anche una questione di buon senso e di rispetto per sè stessi e per gli altri).
    Nondimeno, se non fossero commessi sprechi ben peggiori e da persone poi che non sono certo bambini, tutto andrebbe molto, molto meglio... scuola compresa.
    Buon fine settimana e non prendertela!

    RispondiElimina
  3. Come ha detto Gino Strada, si usa la parola "crisi" quasi fosse un'entità mitologica... c'è crisi, c'è crisi. Ma la crisi è la prevaricazione dei potenti sui deboli, il fagocitare continuo dei primi a scapito dei secondi, l'indifferenza, il sordo sentire dei governanti e il loro spirito di connivenza con chi sottrae alla massa, rubandogli pura la dignità. Caro Riccardo, sono tempi duri, giorni ciechi. Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  4. rif. Sonia Ognibene
    Bentornata, Sonia!
    Condivido in toto, cara amica... altrochè!
    Secondo me, a livello sociale si stanno riproponendo certe spaccature e contrapposizioni di tipo a dir poco medievale...
    Una piccola èlite di potentissimi e ricchissimi ha in mano tutte le leve del potere, della ricchezza e del diritto...
    Tutti gli altri, una massa pressochè sterminata, si accalca alle porte dei vari "palazzi" (i moderni castelli) per cercare di rimediare qualcosa da mettere sotto i denti.
    Abbraccio forte anche da me.

    RispondiElimina
  5. La crisi è un evento ciclico che si ripercuote nell'economia, ma secondo me non è altro che una riflessione della vita : un pendolo che oscilla tra gioia e dolore. Così come la storia ed il resto, tutto è un ciclo, come certi filosofi dicevano.. lo ricollego al pantarei di Eraclito.

    Speriamo solo che questo periodo non duri ancora a lungo.. anche se mi sa che siamo ancora in salita!

    http://blogpercomunicare.blogspot.com/

    RispondiElimina
  6. rif. dm
    Benvenuta da 'ste parti!
    Non so se si tratti di un ciclo...
    Può darsi che lo sia, certo: ma da quel ciclo, c'è qualcuno (non molta gente) che ci guadagna mentre tantissimi ci perdono, si impoveriscono alla grande.
    Ecco perchè la "salita", come l'hai giustamente chiamata, è ancora lunga!
    Salutone

    RispondiElimina

.
Al fine di evitare lo spam, I Vostri graditi commenti saranno pubblicati previa autorizzazione da parte dell'amministratore del Blog. Grazie.
.