I commenti sono ovviamente graditi. Per leggerli cliccate sul titolo dell'articolo(post) di vostro interesse. Per scrivere(postare,pubblicare) un commento relativo all'articolo cliccate sulla voce commenti in calce al medesimo. Per un messaggio generico o un saluto al volo firmate il libro degli ospiti (guest book) dove sarete benvenuti. Buona lettura


venerdì 12 luglio 2019

Minestrone, mon amour!



Francamente, al minestrone preferisco di gran lunga la pasta alla carbonara (per non parlare dell'agnello arrosto o dei tortellini in brodo).
Perciò, il minestrone di cui parlo è uno zibaldone di pensieri, ricordi, impressioni su qualsiasi cosa mi salti in mente e fuori dalla penna.
Spero che il minestrone in questione possa convincere allieve ed allievi di quanto sia rilassante, e perfino divertente, l'operazione dello scrivere. Un'operazione fortunatamente non chirurgica, ma solo letteraria e forse, anche psicologica.
Sempre ammesso che io con la psicologia c'entri qualcosa.
Del resto, potrei benissimo non avere una psiche; quanto alla logica, meglio lasciar perdere.
Bene, mi trovo da settembre in una scuola molto lontana dalla mia Karalis Casteddu Caller Kar-El cioè Cagliari, ma molto vicina alla mia idea di scuola: colleghi e colleghe a cui posso collegare, insomma trasmettere, le mie idee di insegnante e (già che ci sono) anche di essere umano; allieve ed allievi che sanno che cosa sia il rispetto; bidelli e bidelle davvero amichevoli.
Comunque, stamattina il sole inizia a brillare (sebbene non a scaldare) come piace a me... ed il sole è uno dei miei migliori amici, soprattutto quando corro. “Marocchinu”? Forse. L'importante è che le soleil mi aiuti a sudare. Dimagrire è un po' più difficile, ma anche perdere acqua... beh, è un beginizio.
Stasera vedrò delle persone nel quartiere in cui abitarono i miei nonni ed anche il sottoscritto. Per fortuna il passato, intendo quello buono, non passa. Del resto, che cos'è il tempo? Solo un insieme di secondi, minuti, ore ecc. ecc.: però chi lo ha mai visto, the tempus?
Oggi a scuola si è parlato della reincarnazione. Ipotesi affascinante, ma anche inquietante: mi seccherebbe reincarnarmi, magari in un animale che potrebbe essere macellato in occasione del pranzo pasquale. Eppure, in tutto il mondo, alla reincarnatio crede un sacco e mezzo di gente
Bene, ora chiudo. D'altronde, se vuoi aprire, devi anche chiudere. Prima o poi. Bisogna solo cercare di farlo con eleganza, affinché la porta della scrittura non sia chiusa malamente. Sprangarla, poi, sarebbe anche peggio.


6 commenti:

  1. Il disagio della lontana compensato dalla qualità dell'ambiente scolastico e dal valore delle persone è una bella esperienza.
    Sono passata per un saluto e ribadire il sentimento di amicizia oltre allo scusarmi per essere poco presente.
    Un abbraccio e alla prossima (vorrei dire a presto, ma non oso!)
    Nou

    RispondiElimina
  2. Veramente un bel zibaldone di pensieri di un insegnante in trasferta che passa con disinvoltura dalla carbonara alla reincarnazione. Saluti da un concittadino

    RispondiElimina
  3. rif. Nou
    Sì, hai inquadrato perfettamente la situazione!
    Scusa poi se ti rispondo con tanto ritardo, ma ho avuto il pc "guastino" (eufemismo).
    Il sentimento di amicizia, come sai, è reciproco...
    A presto.
    P.s.: se ce la faccio, dopo tanto tempo pubblicherò qualcosa. Oggi, spero.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. rif. Voltaire
    Benvenuto, illuminista!
    Sì, come dire... "spaziare" è una cosa che mi piace molto.
    Ed anche incontrare un concittadino.
    Saluti ed a presto!

    RispondiElimina
  5. Anch'io al minestrone preferisco la carbonara

    RispondiElimina
  6. rif. nina
    Ciao Nina!
    In effetti, anche per me la carbonara è una superstar.
    Diciamo che ho iniziato a scoprire il minestrone con gli anni...

    RispondiElimina

.
Al fine di evitare lo spam, I Vostri graditi commenti saranno pubblicati previa autorizzazione da parte dell'amministratore del Blog. Grazie.
.