I commenti sono ovviamente graditi. Per leggerli cliccate sul titolo dell'articolo(post) di vostro interesse. Per scrivere(postare,pubblicare) un commento relativo all'articolo cliccate sulla voce commenti in calce al medesimo. Per un messaggio generico o un saluto al volo firmate il libro degli ospiti (guest book) dove sarete benvenuti. Buona lettura


mercoledì 19 settembre 2018

Chi beve inchiostro campa 200 anni



Prendo la penna anzi la brandisco e scrivo, ispirato da una canzone di Andy White che parla della ricerca della tomba di Joyce.
Poco prima avevo ascoltato Billy Bragg: lui cercava non una nuova Inghilterra bensì una nuova ragazza; quando vuoi cambiare il mondo, l'autoironia rende la lotta divertente e salva dai pericoli del fanatismo. Sì, penso proprio che sia così.
Mi tuffo, quasi sprofondo in fondo ai miei scaffali, disperatamente teso alla ricerca di libri che non ricordo di avere.... come una specie di Quasimodo ingobbito a cercare campane; però di carta e probabilmente, suonato come loro.
Forse domani sarò a scuola ma oggi continuo a vagabondare nel mio particolare miscuglio di sogni, incubi, progetti, preghiere, racconti, versi poetici e qualcuno (temo) anche animalesco.
Secondo mia moglie, la gente non capisce il mio umorismo. Il che potrebbe anche essere vero, ma non per questo rinuncio a farlo brillare... per quanto (talvolta) possa risultare arrugginito.
D'altronde, che cos'è l'umorismo se non un modo per sopportare il mondo, la vita ed addirittura sé stessi?
Scivolo giù serpeggiando per le strade biscianti immaginando che la mia armonica sia un miracoloso paciugo di sax, violini e chitarre elettriche e spero, spero davvero di non diventare un giorno o l'altro uno di quei tipacci in canottiera che se la prendono col mondo: con questo e con l'altro.
Ma... e se quel giorno fosse già arrivato? Meglio non pensarci. E meglio non farlo arrivare.
Scrivere: che cosa vale di più? Tra le cose spirituali, regge il confronto con la musica.
Un confronto o parallelo con le cose carnali... beh, quello non lo faccio; non puoi paragonare tra loro cose tanto diverse. E poi, il confronto in questione non sarebbe neanche decente. Non so se mi spiego. Ma penso di sì.
Comunque, ora vorrei nuotare in fiumi di champagne made in cannonau. E vorrei farmi una bella bevuta di inchiostro, perché come sa chiunque non lo voglia ignorare, chi beve inchiostro campa 200 anni.
Se poi l'ho già detto, pazienza.

5 commenti:

  1. Beh ... è da provare! Comunque happy Blogging!

    RispondiElimina
  2. rif. Enri1968
    Molte grazie, Enri!
    Si tratta comunque di una bevanda e/o terapia davvero efficace: chi decide di adottarla, ci guadagna. Parecchio.

    RispondiElimina
  3. Mi fermo al titolo e al finale "Chi beve inchiostro campa 200 anni".Mia sorella aveva un compagnoo di classe che beveva appunto l'inchiostro, noi avevamo ancora inchiostro nel calamaio e pennino per scrivere alla elementari. Ebbene il protagonsta delle bevute non è ancora morto, ha poco più di 60 anni, ma non ha avuto una vita molto sana, se dovessi campare tanto in modo così problematico, beh... bevo almeno cose migliori e campo meno!
    Per il resto sii ironico e ridici su anche se gli altri non capiscono, basta che sia utili a te! Salludi a te e alla tua città!

    RispondiElimina
  4. rif. Maria Valenti
    Quel tipo aveva (forse) preso quel precetto un po' troppo sul serio... ma mi piacerebbe tanto conoscerlo, sai?
    Diciamo che possiamo correggere l'inchiostro col vino... anche quello non sarebbe male!
    Salludi e trigu (salute e grano, prosperità) anche a te ed alla tua città!

    P.s: mi ci vorrà un po' di tempo per leggere tutti i post su "Cech", ma lo farò. Ogni promessa è debito.

    RispondiElimina

.
Al fine di evitare lo spam, I Vostri graditi commenti saranno pubblicati previa autorizzazione da parte dell'amministratore del Blog. Grazie.
.