I commenti sono ovviamente graditi. Per leggerli cliccate sul titolo dell'articolo(post) di vostro interesse. Per scrivere(postare,pubblicare) un commento relativo all'articolo cliccate sulla voce commenti in calce al medesimo. Per un messaggio generico o un saluto al volo firmate il libro degli ospiti (guest book) dove sarete benvenuti. Buona lettura


martedì 31 luglio 2018

Un discreto 31 luglio


Luglio è quasi finito, ma ovviamente, questa non è colpa mia.
Sono qui, nel mio regno (la cucina) con un programmino niente male: scrivere qualcosa per alimentare il mio blog denutrito con in sottofondo Tracy Chapman, B.B. King, Corelli, Vivaldi e Telemann.
Purtroppo, Tracy mi ricorda il periodo del militare, in cui conobbi il grande sergente Pilia (non lo dico ironicamente) ed alcuni cari amici, però si concluse con la morte di mio padre.
Vabbe', lasciamo perdere.
Con Fast car la Chapman scrisse una canzone che prima o poi commenterò su questi telematici schermi.
Sorseggio il caffè. Sono in piedi dalle 7.45.Chi me lo fa fare? Perché non dormo, dato che sono in vacanza?
Semplice: ho bisogno di impiastrare i fogli. E la bile va espulsa sotto forma di aggettivi, punti esclamativi, interrogativi, dialoghi, riflessioni... Sotto forma di scrittura, insomma.
Ma ecco che riappare I.I., il mio interlocutore immaginario. Spero che non abbia la luna storta... né altre parti del firmamento.
Ciao, Riccardo. Che cosa fai, come al solito perdi tempo scrivendo le tue scemenze?”
Aveva la luna storta. E magari anche qualche asteroide.
Ciao, Interlocutore. Beh, non posso certo scrivere le scemenze di un altro.”
Dovresti cercarti un editore in grazia di Dio e piantarla di rompere le scatole a tutti quanti.”
Non sopporto più editori che non rispondono mai.”
Andai al lavandino e lavai un bicchiere, la tazzina del caffè, il cucchiaino ed il piano cottura. Sono sempre stato uno dei tipi + disordinati di tutti i tempi, ma quando scrivo, odio essere circondato dal disordine.
Ecco, bravo... lava, lava... Vuoi un suggerimento? Cercati un lavoro come lavapiatti.”
Già fatto. Non mi hanno neanche risposto. Comunque, a settembre spero di riprendere ad insegnare: andrei (come sempre) ovunque. Se ricordi, ero disposto a trasferirmi perfino a S. Antioco, che si trova a 90 km da Cagliari.”
Sì, in effetti non ti ho mai considerato un poltrone. Però non ti sai... accidenti, non ti sai vendere! Se sul mercato uno non sa fare una cosa come quella, è finito. Finito, bello mio. Kaputt.”
Io sono sempre stato finito: però anche in questo, I.I., consiste la mia gloria o almeno, la mia fama.”
Gloria, fama? Ma se non ti conoscono neanche i tuoi parenti! Ieri sera ti ha incontrato zio Gino e ha pensato che fossi il suo idraulico.”
Risi, ma con notevole agilità finsi di aumentare il volume della radio. In realtà scivolai alle spalle di I.I. e ringhiai: “Non muoverti o ti pianto un aggettivo nella schiena.”
Ma Ric...”
Zitto! Un'altra parola e ti taglio la gola con un superlativo. Ora sparisci. In questa casa nessuno può venire a disturbare il sottoscritto, soprattutto quando scrive ed ascolta della musica!”
Sparì.

6 commenti:

  1. Hai ragione, a volte si cazzeggia, non si fanno cose che si vorrebbero fare ... ma tu riesci anche a fare molto altro. Ti auguro di trovare presto un editore per il tuo libro.

    RispondiElimina
  2. Mi piace la bile espulsa con la scrittura.In effetti scrivere disintossica dai pensieri che si aggovigliano e fanno soffocare.Se riusciamo a far scivolare tutto su carta,ce ne liberiamo.Ma hai un interlocutore feroce,fallo zittire!!Ti posso proporre un buon editore?Almeno così mi dicono..Ciao Riccardo.

    RispondiElimina
  3. rif. Alligatore
    Ciao Ally, tutto bene?
    Diciamo che cerco di fare... almeno qualcosa! Però non è per niente facile.
    Ti ringrazio per l'augurio.. speriamo bene.
    Salutone.

    RispondiElimina
  4. rif. Chicchina Acquadifuoco
    Sì, penso che la scrittura aiuti molto.
    Quanto all'Interlocutore Immaginario, purtroppo è me stesso, accidenti a lui!
    Devo trovare un modo per bloccare lui senza bloccare me; ma posso riuscirci. Credo.
    Sì, per l'editore fammi pure sapere, mi va benissimo.
    E ti ringrazio fin d'ora, comunque vada.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  5. ah ah, inusuale chiacchierata mattutina! Spero ti sia servita, almeno l'articolo è stato scritto con simpatia! Le parole ti sono amiche e alleate ;)
    Io il mattino combino poco, ma sembra solo... i pensieri sono importanti, a volte restano inutilizzati, ma non sempre. Se mi alzo presto ne ha beneficio prevalentemente la pulizia di casa, non dico che sia inutile, ma insomma, non voglio che succeda quotidianamente!
    Non mollare mai!

    RispondiElimina
  6. rif. Maria Valenti
    Mi è servita senz'altro: soprattutto, mi è servita per una cosa molto importante... sfogarmi un po'. La scrittura è una ricerca del bello, ma anche una ricerca di serenità. Almeno credo!
    Io la mattina riesco a combinare qualcosa, ma solo se sono solo; altrimenti, non so dare alle mie cose la giusta priorità.
    Non mollerò, questo è poco ma sicuro!

    RispondiElimina

.
Al fine di evitare lo spam, I Vostri graditi commenti saranno pubblicati previa autorizzazione da parte dell'amministratore del Blog. Grazie.
.