I commenti sono ovviamente graditi. Per leggerli cliccate sul titolo dell'articolo(post) di vostro interesse. Per scrivere(postare,pubblicare) un commento relativo all'articolo cliccate sulla voce commenti in calce al medesimo. Per un messaggio generico o un saluto al volo firmate il libro degli ospiti (guest book) dove sarete benvenuti. Buona lettura


lunedì 21 maggio 2018

Pioggia, ruote, pozzanghere ecc. ecc.


Alle 07.15 di oggi 21 maggio, a Cagliari piove. Ed anche molto. In questo periodo e per la mia città, questo fatto è piuttosto inconsueto. Da noi è abbastanza raro che piova in dicembre, figuriamoci a fine maggio e con questa abbondanza.
Però niente da eccepire sulla pioggia: talvolta, d'estate, per le scarse o talvolta inesistenti piogge, rischiamo il razionamento dell'acqua. Quindi, anche io come tanti miei concittadini, canto Singing in the rain.
Purtroppo, the rain trasforma molta gente in altrettanti piloti di Formula 1. Persone che magari di solito non superano i 60 km/h, quando piove diventano delle saette su ruote.
Il che non è per niente piacevole per chi (come il sottoscritto) viaggia solo in pulman e/o in corriera, e di mattina presto si trova alla fermata dell'uno o dell'altra... e si trova letteralmente innaffiato dall'acqua delle pozzanghere che gentili piloti e pilotesse, gentilmente gli schizzano addosso. Che cosa significa, questo? Che cos'è... la pluvialità come stimolo alla velocità automobilistica?
Buoni concittadini, stimate concittadine che vi inoltrate nella giornata con indomito spirito lavorativo, commerciale, esplorativo ecc. ecc., una preghiera: non inzuppate più questo ormai stagionato precario della scuola. Mentre sfrecciate col vostro consueto eroismo, siate indulgenti con chi nei suoi romanzi & racconti, vi celebra con affetto.. sia pure, talvolta, anche con qualche stilettata satirica.
Del resto, anche il sottoscritto satirizza sé stesso. Molto. Parecchio. A volte, perfino volentieri.
Comunque, tutto bene. Amo la pioggia. Adoro sentire Lady Rain tintinnare sui tetti e rimbalzare sui vetri delle finestre. Apprezzo ancor di più la pioggia, che come si chiedevano i Creedence, chi potrà fermare (Who'll stop the rain?), quando corre sulla Terra scortata da una certa foschia... e da un'improvvisa nebbia. Sarà il mio gusto per il misterioso, il gothicus o addirittura per lo spaventoso. Chissà.
Comunque, ora sono le 11.25 e sto tornando a casa; tra corriera e pulman vari, non arriverò prima delle 12.30.
Sto attraversando Capoterra, una cittadina a 13 km da Cagliari. Le campagne appunto di tale cittadina sono molto rilassanti, se accarezzate dalla pioggia. Cabuderra (in sardo) è stata dotata dal Gran Capo che sta nei Cieli di alcune montagne, che in inverno sono avvolte da nebbie e nuvole che spesso, nascondono le cime appunto delle mountains.
In questo momento la strada sta pensando bene di condurmi da Capoterra verso la spiaggia che si trova in località “Giorgino” e già che c'è, il simpatico nastro d'asfalto attraversa anche parte della laguna di Santa Gilla.
A poca distanza vedo il porto-canale, che purtroppo chiuderà (ma spero proprio di no!) tra non molto...
Alla mia sinistra ecco Sa illedda (L'isoletta, sempre in sardo) ed il ponte che conduce a Cagliari. Mi preparo per scendere: tra poco raggiungeremo la stazione delle corriere.
A presto!

12 commenti:

  1. Amo la Sardegna! Sono contento per voi ... mi spiace per gli inconvenienti... pure a me capita di trovare automobilisti maleducati.

    RispondiElimina
  2. I really like what you guys are up too. This type of clever
    work and coverage! Keep up the awesome works guys I've included you guys to
    my personal blogroll.

    RispondiElimina
  3. This website really has all of the info I needed about this subject and didn't know
    who to ask.

    RispondiElimina
  4. Come cambiano i punti di vista a seconda delle latitudini. Qui a Milano la pioggia è onnipresente. Questa primavera poi, più instabile rispetto agli anni passati, ne abbiamo davvero piene le scatole, non se ne può più. Di mio poi, proprio non la sopporto, vorrei un tempo gradevole e costante. Ne subisce i contraccolpi il mio umore che diventa plumbeo come questo cielo. Agli schizzi però siamo abituati, come siamo abituati agli stivali da pioggia e agli ombrelli.
    Come te, viaggio quasi sempre con i mezzi per cui conosco il problema. E non ti dico le maledizioni ai tanti Hamilton de noi artri...per dire che in ogni caso non mi rassegno.
    Bello il tuo tratteggiare con delicatezza il panorama che conosci così bene. Ti auguro una buona domenica sera.

    RispondiElimina
  5. Great article! This is the kind of info that are supposed to
    be shared across the internet. Shame on Google for no longer positioning this submit upper!
    Come on over and visit my website . Thank you =)

    RispondiElimina
  6. rif. Enri1968
    Grazie grazie grazie! E' una terra forse un po' strana, ma che sa essere riconoscente con chi la apprezza.
    Quanto a certi automobilisti, che dire? Forse, se sapessero guidare sè stessi oltre che la propria auto, la vita nelle città sarebbe molto più vivibile.
    Ciao.

    RispondiElimina
  7. rif. Anonimo
    Thank you so much for the inclusion!
    Have a nice day, my friend.

    RispondiElimina
  8. rif. Anonimo
    Thank you!
    Only, maybe, my info are... how I can say... cheaps?
    I hope no, of course!

    RispondiElimina
  9. rif. Mariella
    Prima di tutto, grazie per aver apprezzato, davvero!
    La pioggia...
    Qua da noi non ne avevo mai vista tanta.. potrei dire addirittura da sempre!!!
    Negli anni scorsi, capitava di non vederne una goccia per mesi e mesi o addirittura, anche per qualche anno (da 1 a 2).
    Ma da quanto scrivi, sembra che la maleducazione vada decisamente oltre i vari punti cardinali... poveri noi!
    Comunque, buon lunedì.

    RispondiElimina
  10. rif. Anonimo
    You are too much gentle with me!
    Anyway, what is your website?
    Bye.

    RispondiElimina
  11. "Non esiste il buono o il cattivo tempo, ma solo il buono o cattivo equipaggiamento", questo pare una saggezza dei piccoli cari lupetti scout e io sono in pieno accordo con loro (non su tutto, nooo, ma su questo detto sicuramente). Quindi come potresti attrezzarti con il tempo piovoso, condividendo strade percorse da auto dispettose? Mhhhh Con cartelli di supplica o di minaccia appesi avanti e retro come uno scioperante? Con ghette impermeabili sul fondo dei pantaloni o copriabito completo sino alle scarpe?
    Io amo la pioggia come il sole, ma mi muovo poco con i mezzi pubblici, quindi non vale!
    Ciauz :D

    RispondiElimina
  12. rif. Maria Valenti
    Ciao Maria, bentornata!
    Scusa il ritardo: mondiali, fine scuola e problemini vari mi hanno tenuto lontano dal blog...
    Forse i cartelli potrebbero essere una buona soluzione... sai che non ci avevo pensato?
    Passerò presto da te... ammesso che ci riesca...
    Salutone!

    RispondiElimina

.
Al fine di evitare lo spam, I Vostri graditi commenti saranno pubblicati previa autorizzazione da parte dell'amministratore del Blog. Grazie.
.