I commenti sono ovviamente graditi. Per leggerli cliccate sul titolo dell'articolo(post) di vostro interesse. Per scrivere(postare,pubblicare) un commento relativo all'articolo cliccate sulla voce commenti in calce al medesimo. Per un messaggio generico o un saluto al volo firmate il libro degli ospiti (guest book) dove sarete benvenuti. Buona lettura


sabato 30 dicembre 2017

Bella presenza


21 dicembre 2017: sul Corriere della sera, nella rubrica Il caffè di Massimo Gramellini, leggo il pezzo Di bella presenza. Come già in altre occasioni, egli ha saputo rivestire il suo articolo del consueto garbo.
Tuttavia, l'argomento da lui trattato è di quelli che fanno saltare su dalla sedia. E non per colpa sua. Veniamo al punto.
Sul portale istituzionale di Garanzie Giovani è comparso questo annuncio: “Cercasi impiegata di bella presenza per tirocinio, durata 6 mesi più proroghe, part time 20 ore settimanali, retribuzione 400 euro mensili.”
Ora, il contrattato ha una durata ridicolmente breve, appena 6 mesi: con quelli puoi pagarci l'affitto? E come ti procuri da mangiare, come paghi eventuali spese mediche, come fai coi vestiti, con la luce, l'acqua, il gas ecc. ecc.?
Si dirà: magari in contemporanea ti trovi un altro lavoro; per esempio in nero.
E comunque, se lavori dalle 9 alle 13 e poi becchi un altro lavoro dalle 15 alle 19, c'è il problema della distanza... metti che si tratti "solo" di 50 km. Puoi raggiungere il nuovo posto in 45 minuti, ammesso che non becchi traffico; così, si sono fatte almeno le 13.45.
Ah, certo, c'è la seccatura del pranzo, seccatura che puoi toglierti prima di partire o dopo, appena arrivato. Ma se non ce la fai col tempo, puoi sempre non mangiare, giusto?
Ancora: magari, sul 1° posto di lavoro potrebbero trattenerti ben oltre le 13; così come fai ad arrivare in orario dall'altra parte del Paradiso lavorativo? Capace che quando ci arrivi (per es. alle 15.30) scatti il licenziamento.
"Soldi": 400 euro mensili. Come dice bene Gramellini, fanno 5 euro l'ora. Non bastano neanche per la benzina. Però puoi andare a piedi e coi soldi risparmiati comprarti un panino ed una bibita.
Nell'annuncio si parla anche di 6 mesi più proroghe. Bello!
Ma in base a che cosa dovrebbero scattare, 'ste proroghe? In un sito (come scrive Gramellini) “di un progetto di governo e regioni finanziato dalla Reverendissima Unione Europea”, ci si aspetterebbe maggior chiarezza. E comunque, ha senso prorogare un regime salariale come quello?
Ma quel che fa davvero imbufalire, è il fatto che si cerchi un'impiegata di bella presenza! Siamo ancora a questa idiozia? Conta non la donna intelligente, preparata, coscienziosa, ma la classica bella ragazza?
Sia chiaro: non ho niente contro le belle. Ma per me, soprattutto sul lavoro, la bellezza conta zero. Possibile che in pieno XXI secolo il lato estetico sia considerato più importante di tutti gli altri?
Spero proprio che questo Natale e l'anno nuovo spazzino via certi contratti, quelli cioè che si è costretti a firmare per pura e semplice fame. Allora e solo allora, alcuni avrebbero il diritto di augurare Buon Natale e felice anno nuovo, senza che questo sembri una crudele presa in giro.

10 commenti:

  1. Ecco cosa ci ha portato il renzismo di questi anni, l'Europa fatta solo di finte belle (belle?), parole? Speriamo che il 2018 inizi a spazzare via queste cose, con un potere che sia veramente di popolo ... e che la gggente si svegli, di apprendisti stregoni ne abbiamo piene le palle.

    RispondiElimina
  2. Ho dato uno sguardo agli ultimi post,puntualmente uno ogni fine mese..ma sempre più presente di me.Oggi tocchi davvero un nervo scoperto,seguendo Gramellini,sempre garbatamente attento ai fatti quotidiani e di costume.Ti fai delle domande ma lo sai,non si può-Non si può barattare il bisogno di lavoro con l'illusione di sei mesi ..al coperto,con uno pseudo stipendio che ti illude, ma non ti toglie la fame.Non si può,neanche in nome della crisi,neanche sotto la paterna copertura di un sito istituzionale.Ma altri contratti ,di qualche anno più vecchi fanno ancora peggio.A termine,duri per tre anni,dopo o dentro o fuori.Allora,non fuori perchè il ns:committente ha ancora bisogno,non dentro perchè costeresti troppo e non si può:ti rivendiamo ad un ns.associato,che ti rifà un contrtto più restrittvo,economicamente più povero,ci lavori due mesi ancora,ma anche fosse uno,non puoi vantare pretese.Bisognerebbe che davvero qualcuno mettesse mano.Sarà l'anno buono,quello che sta per arrivare,salutato da falsi brindisi e bollicine,meglio bolle evanescenti di sapone?Forse è meglio scrivere,come dici precedentemente,prosa o poesia,è un modo per sentirsi vivi e creativi..E comunque vada,sia un nuovo anno buono anche per te.Ciao.

    RispondiElimina
  3. rif. Alligatore
    Mi associo alla grande, Diego!
    Alla retorica di una certa parte politica, è succeduta quella di una che avrebbe dovuto essere diversa, invece i presupposti di base erano gli stessi: una modernità senza progresso, un'efficientismo indifferente o addirittura ostile ai bisogni dei lavoratori e delle lavoratrici...
    Ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti, purtroppo!
    Speriamo davvero di riprenderci in mano la vita, come si diceva una volta...
    E buon anno. Comunque!

    RispondiElimina
  4. rif. Chicchina Acquadifuoco
    Ben detto, davvero ben detto.
    In effetti, esistono contratti addirittura peggiori: magari per 8 mesi, ma con un salario che viene corrisposto solo in base alle ore fatte (che non puoi scegliere tu).
    Quindi in un mese puoi "guadagnare" 400 euro o anche... 250.
    Puoi anche essere laurerato ed insegnare da 20-22 anni (per es. in molte scuole private): la musica non cambia.
    Ed ovviamente, se protesti, c'è sempre qualcuno che può sostituirti al massimo in 24 ore, se non prima.
    Il punto è davvero, come scrivi, che ti danno qualcosa per non fare la fame, ma mai per vivere in modo dignitoso.
    Però una mia collega tedesca diceva: "Alla fine, anche la bestia rifiuta lo zuccherino!"
    Facciamo in modo che le cose cambino e... buon anno!

    RispondiElimina
  5. Auguri, carissimo Riccardo! Mi auguro anch'io che smettano queste idiozie della "bella presenza", che il mondo sia più giusto, che l'infanzia venga rispettata e che ognuno possa realizzare i propri sogni!

    RispondiElimina
  6. rif. Sonia Ognibene
    Auguri a te, carissima Sonia!
    Sarebbe veramente ora che si realizzasse una reale giustizia sociale.
    Inoltre, se non mettiamo al centro il rispetto per gli esseri umani, sprofonderemo sempre più nella barbarie. I maltrattamenti poi sui bambini (sessuali, fisici, psicologici) sono praticolarmente odiosi...
    Un abbraccio e buon anno... speriamo!

    RispondiElimina
  7. Quelli che offrono lavoro con queste prospettive, dovrebbero essere rinchiusi...non è possibile accettare questo vergognoso mondo del lavoro!
    Per i miei figli, uno ha perso il lavoro e l'altro ha accettato un contratto che non si sa se permetterà una continuità lavorativa... Perlomeno, dopo un anno di tiritere si è definita la situazione contrattuale.
    Ci auguriamo riscontri positivi in questo 2018... Non si sa mai?!
    Tanti auguri anche a te Riccardo,!
    Un abbraccio
    Nou

    RispondiElimina
  8. rif. Nou
    Vergognoso è proprio la parola giusta!
    So di che cosa parli perchè io vado avanti con contratti del genere da... sempre.
    Forse a partire da quest'anno le cose (per quanto riguarda me) cambieranno, ma considera che ho 55 anni!
    Certo che se perfino nel Veneto la situazione è quella, allora siamo messi proprio bene...
    Ovviamente, spero che per i tuoi figli le cose possano aggiustarsi: è brutto per noi, non avere una stabilità sul piano lavorativo, ma è ancora peggio vedere che quello schifo colpisce anche i nostri figli...
    Un abbraccio ed a presto!

    RispondiElimina
  9. Incredibile che ci siano ancora cose del genere, o meglio... è il frutto del disimpegno di questi anni. Queste cose rattristano veramente.

    RispondiElimina
  10. rif. Sergente Elias
    Altrochè se rattristano!
    Purtroppo, c'è chi su "contratti" del genere ci guadagna... anche parecchio.
    Ma non si tratta di chi i contratti in questione deve accettarli, o meglio, subirli... per necessità.
    Ciao Fabio!

    RispondiElimina

.
Al fine di evitare lo spam, I Vostri graditi commenti saranno pubblicati previa autorizzazione da parte dell'amministratore del Blog. Grazie.
.