I commenti sono ovviamente graditi. Per leggerli cliccate sul titolo dell'articolo(post) di vostro interesse. Per scrivere(postare,pubblicare) un commento relativo all'articolo cliccate sulla voce commenti in calce al medesimo. Per un messaggio generico o un saluto al volo firmate il libro degli ospiti (guest book) dove sarete benvenuti. Buona lettura


martedì 25 aprile 2017

Arrivarono ma non torneranno


Arrivarono
coi loro visi di ferro, di lupo e di serpente
nel caldo bollente del giorno, nel gelo della notte.
Arrivarono e con scientifico impegno
le loro mani manovrarono
bombe, mitra, lanciafiamme, mitragliatrici, gas e pistole
falciando ogni giorno migliaia e migliaia di vite.

Con una croce uncinata nel cuore
ed un'altra nella mente...
insomma, con la loro maledetta svastica,
con l'odio ed il cinismo che guidava le loro azioni,
loro che si definivano Herrenvolk, popolo di signori,
fecero dell'Europa un solo, grande cimitero.

L'industriosa città di Rotterdam si arrese,
ma l'aviazione degli uomini-serpente
la rase al suolo comunque:
morti e feriti furono ovunque,
gli edifici, fatti a pezzi dalle bombe...
la città rovinò su sé stessa.
Eppure, nel loro regolamento, l'esercito degli Herrenvolk
era tenuto ad un comportamento “cavalleresco.”

Chelmno, Sobibor, Dachau, Treblinka,
Mathausen, Buchenwald, Auschwitz, Terezin...
i lager sono stati tanti, innumerevoli le vittime
i cui cadaveri si raccolsero con le ruspe.
Ma certo,
il popolo dei signori
aveva solo obbedito a degli ordini.

Renata Viganò, partigiana dell'Emilia,
narra che per Natale
gli uomini devoti alla tortura ed al massacro cantavano come angeli.

Ma ovunque fossero uomini e donne davvero umani
ci furono battaglie e resistenza,
sacrifici di uomini, donne e bambini innocenti
così che l'alleanza di svastica, fascio e sole nascente
fu distrutta per sempre.

Diavoli in forma umana
dai visi di ferro, di lupo e di serpente
arrivarono sulla Terra dal loro Inferno di odio e di ignoranza,
ma sconfitti, furono ricacciati indietro...
all'Inferno cioè da cui i Diavoli del vero Inferno
non dovranno farli tornare... mai più!
Essere degni dell'eroismo dei nostri padri e delle nostre madri
sia sempre la nostra missione,
la nostra sola ragione di vita.
Ora e sempre... Resistenza!

18 commenti:

  1. Bravo Riccardo, veramente bello il tuo scritto!!!
    Ciao e buon 25 aprile, con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Buona Liberazione, ieri, oggi, Siempre!

    RispondiElimina
  3. Un post per ricordare:Ricordare che cosa è stata l'avventura nazifascista,quale è stato il prezzo pagato,prima che si potesse parlare di Liberazione!Ricordare, perchè altri demoni,negli anni si presentano ed è dovere di tutti noi riconoscerli e combatterli.

    RispondiElimina
  4. La memoria della Resistenza deve accompagnarci, specie in tempi come questi in cui gli ultimi son sempre più ultimi e i ricchi e potenti ... sempre più prepotenti. Continuo a dirlo: la Resistenza è un dovere e questo non deve essere dimenticato.

    RispondiElimina
  5. Parole dense di significato e d'emozione per ricordare.

    RispondiElimina
  6. rif. Tomaso
    Ti rimgraio, Tomaso!
    Inoltre, ti rispondo, purtroppo, con ben 2 giorni di ritardo, ma contraccambio il sorriso.
    A presto.

    RispondiElimina
  7. rif. Alligatore
    Sempre, Diego, sempre.
    Perchè come diceva Brecht, il ventre del mostro rimane gravido... basti pensare a tanti movimenti neonazisti che continuano a sorgere.
    O pensiamo anche a certi revisionismi e negazionismi.

    RispondiElimina
  8. rif. Chicchina Acquadifuoco
    Molto ben detto!
    Infatti, il prezzo pagato è stato altissimo e spesso, tanti o anche troppi, danno la democrazia per scontata, la considerano una cosa ovvia...
    Invece, così come i diritti sul e per il lavoro, è costata il sangue di tantissima gente!

    RispondiElimina
  9. rif. Sergente Elias
    Dici bene, anzi benissimo: si è creata una spaccatura tra ricchi e poveri, che non si era più vista dalla fine della II guerra mondiale...
    E la prepotenza, ora passa per "grinta", "iniziativa", "capacità di rischiare"! Certo, schiavizzando chi lavora (spesso per tutta la vita) per 4 soldi.
    E che se osa protestare, finisce in mezzo ad una strada.
    E magari, in strada si becca anche qualche manganellata.

    RispondiElimina
  10. rif. Daniele Verzetti Rockpoeta
    Emozione, senz'altro.
    Molto forte, fortissima.
    Ed anche riconoscenza verso quello che hanno fatto certe persone non solo per loro stesse, ma anche per noi.
    Dobbiamo essere assolutamente al di sopra del nostro egoismo ed attingere alla loro forza, alla loro generosità!

    RispondiElimina
  11. Riccardo sono emozionata di leggere il ricordo così preciso e vero. Si sente rivivere la storia e di vedono quei volti di aquile obbedienti, ma anche consenzienti e quindi colpevoli di tanto orrore e distruzione. Anche oggi per molti è così e questo pensiero mi è insopportabile provando nausea per il genere umano, compresa me stessa. Purtroppo la guerra è più forte della pace e chi è desideroso di pace non ce la fa. I nostri partigiani ci hanno provato e ci sono riusciti, ma vediamo che se non vigiliamo perderemo la democrazia da loro consegnataci a causa di vanagloriosi e corrotti che pur di seguitare nei loro bassi egoismi e interessi ci manderanno tutti in rovina e non solo. Resistiamo ancora.con gli ideali di liderta'e di convivenza pacifica e ricordando le parole nella Costituzione per affermarle, ora e in futuro.
    Ciao Riccardo e grazie per questo tuo post.
    Nou

    RispondiElimina
  12. rif. Nou
    Ciao Nou, ti ringrazio moltissimo per quello che hai scritto, per la stima e l'apprezzamento!
    Purtroppo, dici davvero bene: la democrazia è a rischio... a forte, forte rischio: oggi esistono forme di dominazione e di fascismo magari nuove, ma non per questo meno pericolose.
    Penso per es. alla precarietà sul lavoro, per avere il quale si deve spesso accettare contratti-capestro; penso al crescente potere che assumono i vari apparati di polizia; penso al mito dell'efficienza, che spesso trasforma i governi in burattini delle banche; penso al ritorno di una mentalità che presenta i Paesi occidentali o comunque industrializzati, come migliori degli altri ed in diritto di portare (tramite la guerra!) la democrazia anche agli altri Paesi...
    E comunque, rinascono anche dei movimenti neonazisti!
    Ti abbraccio.
    Non perdiamo comunque la speranza e... non sei certo tu quella che deve provare nausea per sè stessa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Riccardo, ricordo quando speravo ancora nella politica(che doveva essere democratica di sinistra, quindi di solidarietà sociale), che invece non esisteva più nei fatti, di come ho sperato che il paese si sarebbe risollevato dopo il governo di Berlusconi, invece c'era già da allora il progetto di unire il pd rottamato a forza italia e sembra che questo sia ormai palese con le ultime pagliacciate milanesi. Va bene, l'ho capito, ma non lo sopporto, anche se mi/ci tocca subire tanta mistificazione e ingiustizia. L'unica speranza sta nella futura generazione. So che i fatti sono più complessi di come li percepisco io. Comunque c'è un disagio generale e il timore di dire le cose come stanno. Prima c'era da parte dei media un interesse ad essere vincenti negli ascolti, ora c'è, a mio parere, la paura a denunciare la realtà, il web e i social dicono di tutto e di più : siamo frastornati e anche raggirati. Ma dici bene che in ogni caso non possiamo abbatterci, né capitolare.
      Un abbraccio
      Nou

      Elimina
  13. rif. Nou
    Essenzialmente, i fatti sono come li hai rappresentati tu.
    Tutti noi, parlando della situazione in cui ci troviamo, preferiremmo sbagliarci... ed invece...
    Ma forse siamo proprio arrivati al fondo ed ora, non si può far altro che risalire!
    Certo, preoccupa molto la tendenza a minimizzare se non ad insabbiare che troviamo sui social e sui mass-media: per es., come si può parlare di "ripresa economica", diminuzione della disoccupazione ecc. ecc.?
    Tempo fa ho riletto delle relazioni parlamentari sulle condizioni salariali e lavorative nelle miniere sarde di inizio '900.
    Ovviamente, da allora è passato un secolo, ma certe forme di sfruttamento e di dominio (non solo in Sardegna)stanno tornando: magari, è vero, oggi in altre realtà.
    Il fatto per es. di non poter protestare pena licenziamento, ricorda quell'epoca.
    Così come lo ricorda l'insistenza sulla "produzione", sul lavorare di più ecc., che però non prevede aumenti di salario nè maggiori tutele sul piano della sicurezza sul posto di lavoro.
    Di recente o letto un rapporto della CGIA di Mestre: denuncia l'aumento degli incidenti sul lavoro: anche mortali.
    E ci sarebbe ancora tanto da dire.

    RispondiElimina
  14. Il tuo post è, come al solito, toccante e profondo e mi sento inopportuna a scriverti per dirti che SONO TORNATA...alla locanda e alla scrittura. Ho infatti scritto un nuovo libro, se vieni a trovarmi di là scoprirai i dettagli! Ciao, mio caro!

    RispondiElimina
  15. rif. Sonia Ognibene
    Grazie grazie grazie, cara amica!
    Passerò da te quanto prima... cambiamenti lavorativi permettendo.
    A presto!

    RispondiElimina
  16. Non dobbiamo mai dimenticare che siamo figli della Resistenza. Mai perdere la memoria del sacrificio dei nostri padri.

    RispondiElimina
  17. Sergente Elias
    Ben detto, davvero ben detto!
    Perdere quella memoria rischia di "ribilitare" quella di certi assassini e criminali!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina

.
Al fine di evitare lo spam, I Vostri graditi commenti saranno pubblicati previa autorizzazione da parte dell'amministratore del Blog. Grazie.
.