I commenti sono ovviamente graditi. Per leggerli cliccate sul titolo dell'articolo(post) di vostro interesse. Per scrivere(postare,pubblicare) un commento relativo all'articolo cliccate sulla voce commenti in calce al medesimo. Per un messaggio generico o un saluto al volo firmate il libro degli ospiti (guest book) dove sarete benvenuti. Buona lettura


domenica 9 ottobre 2016

Un nuovo inizio


La battaglia era finita: i ribelli, quei maledetti banditi, erano stati sconfitti. Fatti a pezzi, in realtà.
Certo, erano stati degli ossi duri... impossibile negare una verità tanto evidente ma per il prestigio di Roma, anche dolorosa.
Quei dannati cani avevano scorrazzato per mezza Italia, prima d'esser finalmente bloccati e chiusi da ben due eserciti.
Ma ora la loro sovversione era stata (come era giusto anzi sacrosanto) stroncata senza pietà.
Del resto, come potevano anche solo sperare di sconfiggere Roma? Credevano forse che avrebbe permesso ad un'accozzaglia di straccioni di scatenare la rivoluzione nel cuore stesso dell'Impero? Credevano che Roma avrebbe tollerato di vedere lo schiavo godere degli stessi diritti del suo padrone?!
A questo pensiero il generale soffocò a stento una risata.
Bene, dopo questa grandissima vittoria avrebbe concesso oro, donne e vino a tutti i soldati.
“A proposito di soldati...”, mormorò tra sé e sé, “Centurione! E' stato trovato il capo di quei vermi, lo schifoso Spartaco?”
“No, generale. Lo stiamo cercando da ore, ma sembra che sia sparito. Dobbiamo continuare le ricerche?”
“Lascia stare: voleva la morte. L'ha trovata. I resti del suo corpaccio infame saranno sparpagliati per tutto il campo!”
Dicendo questo il generale scoppiò a ridere poi guardò il centurione e con un cenno indolente del mento, gli fece capire che dopo il suo comandante, ora poteva ridere anche lui.
Congedato il subalterno, il generale cominciò però a provare una certa inquietudine. Che quel dannato Spartaco se la fosse scampata?
No, è stato ucciso!”, gridò.
Ma egli non capì se la fine di quell'uomo non fosse in realtà un nuovo inizio.
Non capì neanche lui che cosa significasse questo suo pensiero, si trattava più che altro di una sensazione... però molto molesta.
E che lo tormentava.


4 commenti:

  1. rif. Alligatore
    Spartaco, il primo dei rivoluzionari... anche se forse di ciò non era del tutto consapevole.
    Ma a lui si rifece la Lega degli spartachisti (appunto!) di Liebknecht e della Luxemburg...

    RispondiElimina
  2. E ci ha fatto anche un film Kubrick!

    RispondiElimina
  3. rif. Sivia Pareschi
    Già, col grande Kirk Douglas e con un discreto Tony Curtis...
    Grande film, davvero!

    RispondiElimina

.
Al fine di evitare lo spam, I Vostri graditi commenti saranno pubblicati previa autorizzazione da parte dell'amministratore del Blog. Grazie.
.