I commenti sono ovviamente graditi. Per leggerli cliccate sul titolo dell'articolo(post) di vostro interesse. Per scrivere(postare,pubblicare) un commento relativo all'articolo cliccate sulla voce commenti in calce al medesimo. Per un messaggio generico o un saluto al volo firmate il libro degli ospiti (guest book) dove sarete benvenuti. Buona lettura


sabato 28 novembre 2015

L'allevatore


Indubbiamente, è difficile allevare dei piccoli: tu sei un adulto, hai idee, aspirazioni ed esigenze ben diverse dalle loro. A volte, sembra di appartenere a 2 specie differenti, se non opposte.
Tanto più se i piccoli che devi allevare sono dei pesci.
Sì, perché (da qualche tempo) io sono un allevatore ittico e posseggo regolare licenza.
I soliti maligni sostengono che come allevatore non varrei molto; tutte balle.
Il fatto che mi siano morti 14 pesci su 15 non significa per niente che io (come ha scritto la rivista Mare marino) sia: “Incapace di una solida programmazione a livello di alimentazione”, e che non conosca “neanche le basi della psicologia animale.”
Tutto questo è falso: infatti, il pesce che si è salvato, è di plastica. E quando muore, quello? Secondo voi questo non è brillante (se non geniale) programmazione?
Ma la composizione appunto di plastica della loro carne e del loro scheletro, non significa che allevare degli Ogvn (oggetti galleggianti non viventi) sia una faccenda banale o addirittura semplice.
Comunque la mia passione per l'allevamento dei pesci artificiali è piuttosto recente: fino a pochi anni fa ero un archivista.
Amavo le biblioteche polverose e credetemi, anche quelle tirate a lucido, col linoneum che splende come uno specchio di cristallo; adoravo i vecchi codici, i manoscritti antichi e tutto sommato, stimavo le connessioni internet.
Ma un bel giorno mi cadde a terra un timbro, che rimbalzando urtò la stilografica del Coordinatore Centrale.
L'urto fece schizzare dell'inchiostro sui riccioli unti di gel del Coord. Centr., che mi licenziò in tronco.
La sera stessa aspettai l'elegante schiavista sotto casa e lo uccisi con 5 colpi di fucile.
Be', io intendevo solo spaventarlo, infatti quando mi vide (il Coord., non il fucile) disse: “Ma che cosa vuol fare, con quell'arma?!”
“Una bella partita di baseball... con la sua testa! Non è meglio un fucile, di una volgare mazza?”
Lui iniziò a strillare che ero un pazzo, un criminale, un rifiuto sociale.
Io: “Ma dottore, ormai mi ha licenziato, perché non si gusta la dimensione scherzosa, ludica, giocosa della mia frase?”
Macché: quello continuò ad insultarmi allora feci fuoco.
Non fui mai scoperto, ma da quella sera sogno sempre il suo cervello spappolato sul muro; un incubo disgustoso, credetemi.
Meno male che sono diventato un allevatore ittico! Uno mica può vivere per sempre con certe terrificanti visioni, e senza confidarsi mai con nessuno. Per fortuna, quando nutro Ludus, gli parlo di quell'increscioso incidente... ed anche di tante altre cose.
E lui mi capisce, mi capisce sempre.




8 commenti:

  1. Non ti vedo nei panni di allevatore ittico truculento ;-)

    RispondiElimina
  2. Un po horror, un pò nonsense ... Non male! Buona serata.

    RispondiElimina
  3. Rif. Sonia Ognibene
    Ciao, Sonia!
    Eh, come si dice? Bisogna inventarsi un lavoro.
    Ma non bisogna provocare gli archivisti... che però, per fortuna, trovano udienza presso i pesci di plastica!

    RispondiElimina
  4. rif. mari da solcare
    Ti ringrazio, Maria.
    Sia l'horror sia il nonsense rischiano di diventare, con questi chiari di luna, parecchio reali...
    Ma speriamo di no!
    Buona giornata a te.

    RispondiElimina
  5. Arguisco che qualcosa di vero c'è in questo racconto, giusto traslato letterariamente...Ho vissuto l'esperienza del licenziamento in tronco senza giusta causa e ho spesso sognato di aspettare fuori il porco che mi porse la stilografica, indossando al collo una catenina con una falce e martello d'oro...Ciao Riccardo, continua a coltivare il sorriso, se non i pesci :-)

    RispondiElimina
  6. Ironico ma anche drammatico nonché surreale. Certo, la parte relativa all'omicidio rischia seriamente di assurgere a realtà di cronaca vista la forte esasperazione presente in molti sfruttati moderni figli di questo tempo.

    RispondiElimina
  7. rif. Franco Zaio
    Qualcosa di vero a livello simbolico, come è sempre per chi scrive.
    Nondimeno, per alcuni, come appunto te (e mi dispiace dannatamente, anche se non ci conosciamo di persona!) la faccenda è tutt'altro che simbolica...
    Certi tipi (chiamarli porci è un'evidente offesa ai porci) possono indossare quel che vogliono, ma tra la teoria e la pratica ci sarà sempre la loro ipocrisia.
    Spero che ora vada meglio, Franco!
    A presto.

    RispondiElimina
  8. rif. Daniele Verzetti il Rockpoeta
    Sì, Daniele, concordo ed anche alla grande.
    L'esasperazione rischia di diventare una mina vagante anche perché, molto probabilmente, in questi ultimi tempi non si mai vista una situazione di disoccupazione, crisi e miseria come l'attuale...

    RispondiElimina

.
Al fine di evitare lo spam, I Vostri graditi commenti saranno pubblicati previa autorizzazione da parte dell'amministratore del Blog. Grazie.
.