I commenti sono ovviamente graditi. Per leggerli cliccate sul titolo dell'articolo(post) di vostro interesse. Per scrivere(postare,pubblicare) un commento relativo all'articolo cliccate sulla voce commenti in calce al medesimo. Per un messaggio generico o un saluto al volo firmate il libro degli ospiti (guest book) dove sarete benvenuti. Buona lettura


giovedì 18 dicembre 2014

Pasticciando sulla musica medievale


Secondo me la musica medievale possiede una musicalità molto particolare, un ritmo cioè che anche nei brani più veloci, ha la capacità di rallentare, contrarre, in qualche modo sospendere il tempo.
Non a caso, sia certa letteratura colta del M. E. che molti miti e leggende appunto del Medioevo ci consegnano il racconto di persone letteralmente infatuate dalla musica e soprattutto dalla danza: infatuate proprio nel senso di persone colpite da un sortilegio o da un incantesimo lanciato loro da una fata o da una strega.
Per esempio, (questo si trova anche in Sardegna) leggiamo o sentiamo di persone che una volta entrate nel cerchio davvero magico della musica, sono poi costrette a ballare in tondo e da quel cerchio, in teoria per secoli, non potranno uscire se non per un intervento esterno... un intervento che potremmo definire quasi miracoloso.
Talvolta tramite la musica si tenta addirittura di ingannare la morte: questo è stato ben intuito e rappresentato da Branduardi nel brano Ballo in fa diesis minore, peraltro introdotto dalle launeddas (strumento e canne tipicamente sardo) suonate dal maestro Luigi Lai, che hanno un suono direi ipnotico.
Dall'ascolto della musica medievale ho ricavato questa impressione, come tale del tutto soggettiva, personale: si tratta di una musica che a differenza di stili moderni come il rock, il blues, il reggae, il jazz, il rap, la techno o come la stessa musica melodica e la canzone d'autore, prevede un uso massiccio sia del ritmo sia della melodia.
Invece, io penso che ognuno degli stili citati sia prevalentemente ritmico o prevalentemente melodico.
La musica del M.E. no, al suo interno troviamo un ritmo incalzante, martellante. Al contempo, da essa si libera una melodia davvero armoniosa e che rilassa stupendamente.
Io ascolto spesso il disco Canti d'amore al tempo dei trovatori, dell'Ensemble musicale il Monocordo: se potete, cercatevelo; è un ottimo esempio di quello che ho tentato di dire.
Al momento non mi sento in grado di parlarvi adeguatamente degli strumenti che si utilizzavano nella musica medievale, ma a livello generale posso dirvi che i suoi canti, le sue ballate ed anche i pezzi strumentali, ricordano un po' la musica orientale. Del resto, uno strumento a fiato come per es. la ciaramella, probabilmente aveva origini arabe o egizie.
Ma i nostri amici medievali sapevano anche imprimere alle loro melodie un ritmo trascinante, nel cui cuore pulsavano le percussioni.
Beh, per oggi basta così.


Alla prossima!

10 commenti:

  1. La musica medioevale non ha bisogno di amplificatori ;)

    RispondiElimina
  2. rif. Alligatore
    Vero, vero, verissimo: però quanto sa farsi sentire, caro Alligatore!
    Mi pare che Valerio Evangelisti abbia scritto delle storie rock ambientate nel Medioevo, sai?
    Se trovo la tua e-mail ti scrivo in privato, intanto, buon fine settimana!

    RispondiElimina
  3. Tanti Auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo, Fabio

    RispondiElimina
  4. rif. Blogaventura
    Contraccambio di vero cuore, Fabio: tantissimi auguri anche a te ed ai tuoi!

    RispondiElimina
  5. Riccardo, grazie per questi interessanti post, bellissimi regali di Natale.

    Passa Buone Feste! Auguroni. Ciao :-)

    Nou

    RispondiElimina
  6. rif. Nou
    Nou, grazie a te per l'interesse che manifesti.
    Auguro anche a te ed ai tuoi di trascorrere delle feste buone... anzi ottime, così come meriti!
    A presto!

    RispondiElimina
  7. Gran bel post amico mio..
    La musica medioevale un vortice di emozioni che ti coinvolge non solo ascoltandola ma ballandola , in tempi e luoghi disparati.
    La più semplice è quella di Branduardi, il nostro grande menestrello per eccellenza che ti trasporta senza fatica in luoghi e atmosfere magiche .
    Da provare..
    Un bacio serale adorabile amico mio!

    RispondiElimina
  8. Cercherò senza dubbio l''Ensemble musicale il Monocordo, perché quello che scrivi mi affascina molto.
    Ti invio i migliori auguri per feste belle e serene, Riccardo, scusandomi della mia assenza dovuta a problemi vari. Ma ci sono, ci sono... Buon Natale!

    RispondiElimina
  9. Rif. Nella Crosiglia
    Grazie, cara amica!
    In effetti, potremmo definire Branduardi una sorta di medievale moderno e/o "divulgato"... sempre comunque stimolante.
    Niente male neanche la sua canzone su Giovanna d'Arco!
    Un bacio anche a te e forza, coraggio e fantasia per il nuovo anno. Qualcosa dovrà pur cambiare ed in meglio, per tutti noi!

    RispondiElimina
  10. rif. Linda
    Ensemble caldamente raccomandato, Linda!
    Contraccambio gli auguri di cuore e vedrai che alla fine, i problemi troveranno la loro soluzione.
    Certo (notazione autobiografica) è dura sgretolare certi... come chiamarli?, "mattoncini"... la loro composizione è complessa, a volte insopportabile...
    Ma in OGNI caso, buon Natale!

    RispondiElimina

.
Al fine di evitare lo spam, I Vostri graditi commenti saranno pubblicati previa autorizzazione da parte dell'amministratore del Blog. Grazie.
.