I commenti sono ovviamente graditi. Per leggerli cliccate sul titolo dell'articolo(post) di vostro interesse. Per scrivere(postare,pubblicare) un commento relativo all'articolo cliccate sulla voce commenti in calce al medesimo. Per un messaggio generico o un saluto al volo firmate il libro degli ospiti (guest book) dove sarete benvenuti. Buona lettura


venerdì 19 settembre 2014

“Factory girl”, dei Rolling Stones


Il pezzo si trova in Beggars banquet (1968).
Musicalmente parlando, non si tratta di uno dei pezzi migliori delle Pietre Rotolanti. Mi dispiace dir questo perchè (come molti sanno) Keith Richards è mio zio e Ron Wood è mio cugino; Charlie Watts, invece, è mio compare d'anello.
Che io sappia io, e Mick Jagger non siamo parenti, ma lui passa ogni tanto nei pressi del mio condominio... dove dà una mano come imbianchino e fa lavori di giardinaggio; così, lo invito a casa mia per un caffè.
Posso così dire d' essere (tutto sommato) in buoni rapporti col cantante dei Rolling Stones.
Il brano è a tutti gli effetti un pezzo country, ma secondo me quando gli Stones si avventurano in quel campo, lo fanno con finalità satiriche. Infatti in questi casi la voce di Jagger è strascicata e lamentosa come se volesse parodiare il modo di cantare di un cowboy che non riesca a smettere di sbadigliare.
L'accompagnamento musicale (mi riferisco soprattutto ai violini) è molto mieloso e prevedibile. Niente a che vedere, insomma, con la dolente compostezza di Hank Williams, con la grinta del John Fogerty di Blue ridge mountain blues, l'elegante malinconia del Jackson Browne di Late for the sky né col country-rock di Steve Earle ne El corazon.
Mi pare anzi che con la musica di Factory girl gli Stones abbiano voluto prendere in giro il country più sdolcinato e sentimentale. I nostri ripeteranno questa operazione circa 10 anni dopo con Faraway eyes (contenuta in Some girls).
Tuttavia Factory girl presenta un testo molto interessante. In fondo, anche questa è una canzone d'amore: ma sfugge sia al pericolo di un eccessivo romanticismo sia a quello del famoso cinismo stile: “Sdraiati subito qui, baby, così io ti ecc. ecc.”
Intanto, Factory girl significa ragazza operaia. Siamo ben lontani dalle dive del jet-set o dalle classiche sexy bombs.
Il protagonista sta aspettando: “A girl who's got curlers in her hair”, una ragazza che ha i bigodini nei capelli. Inoltre lei non il becco di un quattrino e loro per spostarsi “prendono il bus.” Il bus, mica la limousine.
Non è una bellezza: le sue ginocchia “are too fat”, sono troppo grosse/grasse, non porta cappelli ma sciarpe e: ”Her zipper's broken down the back”, ha la cerniera rotta sulla schiena.
Evidentemente la vita di fabbrica è fatta di costanti sacrifici: quelli che deve fare sempre chi lavora duro e che non permette alla ragazza di atteggiarsi a bambolina o di darsi allo shopping... per il quale, del resto, non avrebbe neanche i soldi.
Lui e lei finiscono spesso per sbronzarsi, forse anche per picchiarsi ed il venerdì sera appunto si ubriacano ma: “She's a sight for sore eyes”, è un balsamo per occhi addolorati.
Il vestito di questa ragazza è pieno di macchie e certo, forse molte delle immagini qui usate dagli Stones sembrano caricaturali: infatti, perché mai una ragazza che lavora in fabbrica dovrebbe essere per forza così trasandata?
Ma anche al di là di questo Factory girl rende questa ragazza, questa giovane operaia davvero simpatica: fa venire voglia di diventarle amico, non solo amante.
Lei ha qualcosa di Ruby Tuesday ma senza la sua aria svagata, senza i suoi sogni e le sue illusioni. Del resto, lei non può certo permettersi di mollare tutto.
Sicuramente ha un affitto da pagare, dei debiti, delle rate, a fine giornata è stanca morta e più in generale, non ha nessun corteggiatore vanesio sempre pronto a regalarle fiori o gioielli. Con Factory girl gli Stones ci hanno presentato una ragazza che sgobba e che non ha tempo né voglia per scherzi o banalità. E' un'operaia. E noi, che come lei dobbiamo sbatterci ogni giorno per trovare o mantenere uno straccio di lavoro, la capiamo e le vogliamo bene.

10 commenti:

  1. Grazie, Riccardo. Oggi ho scoperto una canzone nuova (ebbene sì, ammetto di non essere un'appassionata dei Rolling Stones) e anche una bella storia... potrai mai perdonarmi? I never forgot you.

    RispondiElimina
  2. rif. Sonia Ognibene
    Grazie a te, Sonia!
    Quanto agli Stones, o si amano o si odiano, quindi nessun problema: il loro rock "sporco" ed essenziale è molto particolare.
    A me piacciono molto, ma comunque hanno fatto anche delle ballate romantiche, per es. "Ruby Tuesday", "Wild horses", Angie" etc etc.
    A presto!

    RispondiElimina
  3. Molto originale il tuo parlare di questa canzone che mi risuona nelle orecchie...non avevo mai pensato ad una "satira" del country... ma lo è in effetti :)

    RispondiElimina
  4. rif. Alligatore
    Satira piuttosto tagliente sul piano musicale
    Sul piano invece dei contenuti, il discorso è molto bello e come si sarà capito, per me davvero condivisibile.
    C'è addirittura dell'affetto, in questo pezzo dei cinici Stones...
    Buon week-end ed a presto da te!

    RispondiElimina
  5. Il mio pezzo preferito degli Stones è Angie... di rottura rispetto al loro stile abituale. Un salutone, Fabio

    RispondiElimina
  6. rif. Blogaventura
    Ciao Fabio, tutto bene?
    Sì, "Angie" piace molto anche a me. E' senz'altro lontano, come brano, dai loro duri e sporchi "rockacci"... anche se a me piacciono molto anche quelli.
    Salutone!

    RispondiElimina
  7. Ma come li scrivi tu i post sui brani musicali, nessuno...:-) E, comunque, quando li vedi, porta un saluto ai tuoi parenti, soprattutto a tuo zio!

    RispondiElimina
  8. rif. Linda
    Ti ringrazio, cara Linda!
    Che dire? Stiamo organizzando una grigliata, ma pare che Keith non riesca a trovare la carbonella... speriamo bene. Devo fare tutto io, in questa famiglia!

    RispondiElimina
  9. chitarra e percussioni fanno cavalcare praterie e sogni più che arie chiuse di fabbrica...
    Grazie!

    RispondiElimina
  10. rif. alicemate
    Grazie a te!
    Si spera che quell'aria (quella chiusa di fabbrica, come dici) possa essere sostituita da un'aria di diritti e di vita. Di vita vera...

    RispondiElimina

.
Al fine di evitare lo spam, I Vostri graditi commenti saranno pubblicati previa autorizzazione da parte dell'amministratore del Blog. Grazie.
.